Ikea ha inventato l’orto da tenere in casa che produce verdura per tutta la famiglia

Pensato per produrre frutta e verdura all’interno dell’abitazione, può essere costruito seguendo il manuale che l’azienda svedese ha messo sul proprio sito: un orto do-it-yourself

Ikea ha rivoluzionato il modo di pensare gli spazi in cui viviamo la nostra quotidianità. Linee accattivanti e prezzi bassissimi hanno fatto del colosso svedese il numero uno del settore, in un mercato in continua evoluzione. All’interno di Space10, il laboratorio di ricerca dell’azienda a Copenhagen in cui si sperimentano quelle che saranno le tendenze per il living del futuro, è nato Growroom. Si tratta di un pezzo di arredamento molto innovativo, una sorta di orto a forma di sfera in cui far crescere piante e verdure. Ikea aveva già lanciato il prodotto lo scorso anno, ma ora ha messo a disposizione di tutti le istruzioni per costruirlo autonomamente a casa. Il manuale può essere scaricato gratuitamente dal sito di Space10.

58adc3c201fe58c4018b6014-619x368

«Il vantaggio è che permette di coltivare gli ortaggi dentro la propria abitazione in maniera sana e sostenibile» spiegano i designer che hanno portato avanti il progetto. Alto meno di tre metri, Growroom permette di costruirsi il proprio orto dentro casa, senza bisogno di troppo spazio. Prezzemolo, zucchine, pomodori, rosmarino: per avete tutti questi prodotti non servirà andare al supermercato, sarà sufficiente entrare nella sfera e prendere ciò di cui si ha bisogno. Un notevole passo in avanti in termini economici, di salute e di impatto sull’ambiente.

58adc3c101fe58ae018b60bc-619x368

E’ possibile anche sedersi all’interno della sfera, per verificare la crescita delle piante. Un orto che è anche uno straordinario esempio di design, risultato della collaborazione di artisti, tecnici e creativi da tutto il mondo. All’interno del laboratorio Space10 diversi team come questo progettano e sviluppano prototipi simili per cercare di dare una risposta ai problemi dello crescita urbana, cercando di riportare la natura all’interno delle città.

58adc3c101fe586a018b604d-619x368

Il modello che si vede in queste foto è utilizzato principalmente per coltivare piante, ma al suo interno si può far crescere quello che si vuole, compresa frutta e erbe di qualunque genere.

Composto da 17 pezzi di compensato, si può montare in maniera facile e veloce: bastano un martello, 500 viti di acciaio e una fresatrice.

I singoli pezzi sono pensati come tutti gli altri che compongono il tipico arredamento Ikea, e possono essere uniti anche solo con delle graffette di metallo. L’ultima versione è costituita da uno scheletro completamente in legno e non include parti di metallo.

58adc3c201fe58fe4f8b5960-619x368

Il primo modello di Growroom è stato costruito lo scorso anno ed è stato messo in mostra alla Chart Art Fair di Copenhagen. Come detto, l’idea di questo nuovo prodotto Ikea è di favorire l’agricoltura locale. Per questo motivo non sono previste consegne a distanza: lo scopo, hanno spiegato i designer, è di stimolare le persone a coltivare i propri ortaggi senza impattare sull’ambiente. Proprio per questo hanno messo le istruzioni a disposizione di tutti, per far sì che in qualunque parte del mondo si possa costruire la propria sfera. Nessun impatto ambientale e prodotti freschi e sani: «Il cibo deve essere consumato dove viene prodotto, è un modello alternativo al commercio mondiale di questi anni. Vogliamo aiutare a diminuire i chilometri percorsi dalle materie prime, riducendo l’impatto sull’ambiente e insegnando ai bambini da dove arriva quello che mangiano» hanno spiegato gli inventori di Growroom.

58adc3c201fe581d008b601d-619x368

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aumento di capitale da 30M per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana