Addio cartone, con questa scatola la vostra pizza si manterrà croccante fino a casa

La startup californiana Zume ha pensato a un modo per rivoluzionare i contenitori della pizza: ha creato imballaggi più pratici fatti con materiali di scarto

La startup californiana Zume Pizza aveva fatto parlare di sé già nel 2015 quando aveva lanciato il suo business: una pizza prodotta da robot nel retro di un furgone per le consegne. L’innovazione, però, non si è fermata lì perché l’azienda fondata da Alex Garden ha pensato anche di rivoluzionare la forma della scatola per contenere la famosa pietanza rotonda e mantenerla croccante più a lungo. Un modo per sostituire così gli ingombranti contenitori difficili da trasportare e nemmeno tanto comodi per conservare gli alimenti.

zume pizza 2

Imballaggio pratico e sostenibile

L’imballaggio pensato da Zume permette una presa sicura nel trasporto e nella parte superiore si adatta alla forma della pizza. In questo modo non si rischia nemmeno di comprimere il contenuto e magari modificarne il sapore in maniera sgradevole. Inoltre, la novità introdotta punta a far risparmiare le catene di distribuzione che al momento pagano 50 centesimi di dollaro per ogni scatola. Per raggiungere l’obiettivo di evitare che la pizza si inumidisca perdendo la sua naturale croccantezza, i tecnici di Zume hanno pensato di dovere abbandonare definitivamente il cartone per la realizzazione dei loro contenitori.

Le nuove scatole sono realizzate con materiale derivato dalla canna da zucchero o da altre piante.

Nessun albero, però, deve essere abbattuto. Un ulteriore vantaggio del nuovo tipo di imballaggio, quindi, sta nella sua sostenibilità: i materiali utilizzati spesso sono scarti di altre produzioni che possono essere riciclati. I contenitori hanno anche delle scanalature che lasciano passare un po’ d’aria alla base così da evitare che il vapore modifichi la consistenza della pizza.

zume pizza

La rivoluzione della scatola per la pizza

L’azienda ha presentato questa innovazione come il primo cambiamento nell’industria delle scatole per pizza dagli anni Settanta. Le scatole erano un prodotto largamente usato ma che non era stato innovato da molto tempo. La particolare struttura dei nuovi contenitori fa risparmiare tempo e fatica agli operatori della ristorazione. In più viene facilitato anche il taglio della pizza grazie alle scanalature presenti alla base. Le scatole si sovrappongono e si incastrano senza problemi così che è possibile trasportare fino a dieci contenitori senza problemi.

zuempizza 3

Addio cartone

Dal punto di vista dei clienti, non ci sarà più il problema di avere a che fare con il sapore che il cartone spesso lascia sulla pizza. Inoltre, il contenitore è in grado di raccogliere l’umidità e i succhi ed evita che la crosta diventi molle. La scatola può essere anche tagliata e usata per congelare la pietanza. E anche quando arriva il momento di buttarla è molto più facile da piegare e finisce agevolmente in qualsiasi bidone dei rifiuti.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti