Idee Innovative e Tecnologie per l’Agribusiness. Qui la call

Fino al 10 aprile 2017 è possibile partecipare alla call del concorso internazionale Idee Innovative e Tecnologie per l’Agribusiness per individuare tecnologie e idee più innovative nel settore foodtech e agtech

Fino al 10 aprile 2017 è possibile partecipare alla call del concorso internazionale Idee Innovative e Tecnologie per l’Agribusiness per individuare tecnologie e idee più innovative nel settore foodtech e agtech, che possano migliorare le condizioni socio-economiche dei paesi in via di Sviluppo. L’iniziativa è promossa da UNIDO ITPO Italy, Ufficio in Italia per la Promozione Tecnologica e degli Investimenti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale, in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e Seeds & Chips, The Global Food Innovation Summit. QUI per partecipare.

Unido

Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit

Saranno premiati i progetti suddivisi in diverse categorie: Donne, Under 35 e Assoluti. La premiazione avrà luogo il 10 maggio 2017 a Milano nell’ambito di Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit, in calendario a Rho Fiera Milano dal 8 al 11 maggio 2017. Nello specifico, all’interno della Special Conference – Inspire Power Food Security for Developing Countries, appuntamento centrale di Seeds&Chips 2017 dove si daranno appuntamento i più grandi decisori mondiali e le delegazioni dei Governi dei Paesi in via di Sviluppo che si lasceranno “ispirare” dalle ultime innovazioni capaci di offrire soluzioni efficaci e concrete al problema della fame del mondo e della sicurezza alimentare in questi Paesi. I vincitori del contest e tutte le startup selezionate avranno la possibilità di presentare le proprie idee dinanzi ad un pubblico d’eccezione e di avviare importanti partnership tecnico-finanziarie con gli eti promotori dell’iniziativa, grandi aziende, Istituzioni internazionali, incubatori e Fondi di investimento. L’obiettivo primario è la nascita di collaborazioni volte al riconoscimento di un diritto fondamentale, il diritto al cibo, sano, sicuro e accessibile a tutti.

Chi può partecipare

Il contest, alla seconda edizione dopo la prima tenutasi durante Expo Milano 2015, è aperto alle PMI, alle grandi imprese, alle startup, agli Enti di ricerca e alle Università, alle Istituzioni fino alle associazioni e alle ONG. Nella selezione, particolare attenzione sarà rivolta alle tecnologie per la lavorazione e conservazione degli alimenti, alla lotta gli spechi, ed anche alle soluzioni più avanzate per la promozione dei prodotti e delle comunità agricole locali e per la creazione di fonti di energia alternative e sostenibili.

La giuria

I progetti saranno valutati da una giuria composta da rappresentanti di Istituzioni internazionali e dei principali paesi in via di sviluppo, mondo scientifico, imprenditoriale ed accademico, entità finanziarie, in particolare, fra i componenti della giuria: UNIDO ITPO Italy, CNR, Materias, Seeds&Chips, ENEA, CREA e alcuni ambasciatori da paesi in via di sviluppo.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti