Il papà dell’auto senza pilota sta creando un gruppo per inventare la cucina del futuro

Un misterioso annuncio di lavoro lancia segnali sulla nuova scommessa di Sebastian Thrun, una delle star della Silicon Valley: “Rivoluzioneremo il modo di preparare pasti quotidiani e salutari”

Sebastian Thrun, classe 1967, è stato uno dei pezzi forti di Google. Esperto di intelligenza artificiale e robotica, è stato il papà dell’auto a guida autonoma e anche uno dei primi a lanciare il laboratorio di Google, Google X, poi nel 2015 semplicemente ribattezzato X. Insomma, una superstar della Silicon Valley con la mente sempre in movimento. Nel 2012 ha lasciato Big G e battezzato Udacity, una startup per l’educazione online, e poi KittyHawk, una compagnia dedicata alle auto volanti collegata al cofondatore di Google Larry Page. Dopo un curriculum lungo così, adesso il cinquantenne di Solingen (è nato in Germania) intende dedicarsi al food. Vuole, anzi, reinventare l’esperienza della cucina per come la conosciamo.

Sebastian Thrun

Il nuovo fronte è il cibo

Thrun ha appena pubblicato una call destinata ad esperti di robotica (come lui, d’altronde) che dovranno collaborare per un misterioso food technology project nell’ambito della preparazione dei pasti. Qualcosa, è proprio il caso di dirlo, bolle in pentola. “Sto mettendo in piedi un gruppo di ingegneri, designer e specialisti di prodotto per sviluppare tecnologie innovative nel settore della preparazione – ha spiegato l’ex Google nell’annuncio di lavoro – stiamo lavorando a soluzioni che modernizzino il modo in cui ci prepariamo quotidianamente i pasti salutari e gustosi a casa”.

Thrun all’epoca del lavoro in Google X

Una cucina mobile?

Insomma, dal boom del food delivery e dei cibi alternativi (come gli Impossible Burgers o la non-maionese Hampton Creek) si potrebbe presto passare alla sostanza: cioè all’esperienza culinaria di per se stessa che nessuna startup ha ancora toccato da vicino a parte qualche gadget qui e lì. Secondo una fonte molto vicina all’imprenditore, Thrun sarebbe ossessionato dall’idea della cottura a vapore o qualcosa del genere. Fra le figure ricercate c’è anche uno sviluppatore mobile, il che lascia pensare a una cucina intelligente in grado di fare tutto da sola attraverso le nostre istruzioni via app.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti