Con un gruppo d’acquisto food guadagni 500 euro al mese

Sono i numeri della startup “L’alveare che dice sì!”, protagonista di una crescita da 20 mila utenti nel 2016. E al salire delle commissioni salgono le opportunità che sposano gig economy e cibo etico

Gruppi d’acquisto solidali 2.0, è boom. Lo raccontano i numeri della startup – dal nome singolare ma dal progetto di grande sostanza – L’alveare che dice sì!, sbarcata in Italia nel 2015 dopo una rodata esperienza francese. Si tratta appunto di un progetto transalpino incentrato sul modello dei gruppi d’acquisto direttamente collegati con i produttori agricoli e gli allevatori e lanciato nel 2011 sotto il nome La ruche que dit oui. Oltralpe ha fatto segnare ottimi risultati: oltre 650 alveari sono attivi in tutto il Paese.

La squadra dell’Alveare che dice sì!

La crescita in Italia

Il 2016 è stato un anno di crescita roboante anche in Italia: oltre cento i gruppi che si sono formati su tutto il territorio nazionale, con più di 20 mila utenti registrati sulla piattaforma. Nel complesso, i produttori che hanno aderito al progetto hanno venduto oltre 500 mila euro di merce, contribuendo a diffondere la cultura del cibo genuino e promuovendo la filiera corta a km 0.

Ma quanto si guadagna con i gruppi d’acquisto?

Prendendosi cioè la responsabilità di coordinare gli appuntamenti di acquirenti e produttori ma anche, oltre il dato logistico, di tenere in piedi il meccanismo? Con una gestione attenta, almeno tramite L’alveare che dice sì!, si possono superare i 500 euro al mese considerando che il volume d’affari medio di un buon alveare a regime è di oltre mille euro a settimana. Grazie all’aumento della commissione, chi li gestisce può arrotondare e contribuire alla diffusione di una rete alternativa di microdistribuzione.

382162_1

Una faccia della gig economy

Questo sarà ancora di più possibile a partire dal 20 febbraio 2017, quando la percentuale di servizio, cioè il ricavo che il gestore ottiene dal volume d’affari dell’alveare che segue, salirà appunto al 10% dall’attuale 8,35%: una decisione che permetterà alla startup di valorizzare la propria rete e ai gestori di promuovere il proprio “gruppo di acquisto 2.0”. “L’idea della nostra startup non è soltanto quella di promuovere il buon cibo e le realtà sociali, culinarie e imprenditoriali locali, ma anche quella di offrire un’opportunità all’interno della gig economy, la cosiddetta ‘economia del lavoretto’, conseguenza diretta di quella della condivisione, meglio nota come sharing economy – spiega Eugenio Sapora, fondatore de L’Alveare che dice Sì, incubato all’I3P, l’acceleratore del Politecnico di Torino – l’alveare permette infatti a giovani studenti, pensionati, casalinghe, disoccupati ma anche a qualsiasi appassionato di cibo di reinventarsi e di inserirsi nel mondo del lavoro con un’occupazione part-time, come quella di gestore”.

alveare

Come si apre un alveare?

E quindi, come si apre un alveare? Può farlo chiunque: privati, gruppi, attività. Il compito è importante: il gestore trova un luogo per la distribuzione, tiene i rapporti con le aziende e coordina il gruppo di acquirenti nell’arco di 250 chilometri. Basta collegarsi al sito e compilare il modulo di richiesta a cui seguirà un colloquio con il team torinese. Sempre tramite il sito e l’applicazione della startup i consumatori potranno invece unirsi alla community e scegliere cosa acquistare, senza obbligo di frequenza o spesa minima. Produttori e utenti si ritrovano poi una volta alla settimana per la consegna dei prodotti freschi e locali, organizzata dal gestore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”