Il servizio che consegna la cena in stazione (appena scendi dal treno). iCestini

Ordini in giornata e un fattorino ti aspetta di fronte ai binari per consegnarti il piatto: si parte da Milano con Cadorna e Porta Garibaldi

Un food delivery, sì. Ma direttamente alla stazione. Si chiama iCestini.it ed è il primo servizio di consegna della cena davvero espresso: le pietanze ti vengono consegnate appena sceso dal treno. L’idea della piattaforma per i pendolari è di Anna Prandoni, lei stessa pendolare ultradecennale fra Busto Arsizio e Milano ed ex direttrice del magazine La Cucina Italiana per 14 anni, dal 2000 al 2014. Insieme a lei Roberta Carenzi, direttrice marketing, e Lapo Niccolini, presidente e ad della casa editrice Quadratum. Questo il trio che, insieme allo chef Fabio Zago e alla sua squadra, ha deciso di lanciare iCestini.

Consegna_2

Come funziona

«Questo nuovo servizio nasce da una necessità fino ad ora non soddisfatta – spiega Prandoni – sono pendolare da quasi vent’anni e da altrettanto tempo lavoro in ambito editoriale e gastronomico e ho pensato che solo una cosa avrebbe dato una svolta alle mie serate: un servizio di delivery che mi aspettasse in stazione!». iCestini funziona così: ogni giorno è possibile ordinare dal sito i piatti preferiti. Tutte le pietanze, preparate in giornata, vengono confezionate in vaschette monoporzione termosaldate e 100% smaltibili nell’umido della raccolta differenziata. Un fattorino in bici ti consegnerà la cena alla stazione e all’orario indicati. Una volta a casa basterà un passaggio in forno o al microonde e il pasto sarà servito.

iCestini_pack_APERTO

Dove è attivo

Al momento, iCestini è attivo davanti alla stazione ferroviaria di Milano Cadorna, nella sede di piazza Aspromonte 13 (citofono iCestini), davanti a Hic in via Spallanzani 12 (Porta Venezia), in Gae Aulenti (via Cappelli 1) e davanti alla stazione Porta Garibaldi.
 Il team de iCestini sta costantemente lavorando per arrivare alla stazione Centrale e in altri punti strategici di Milano, che è la piazza scelta per l’esordio.

vaschette_gen_17_3

Cosa c’è dentro

Cosa ci si trova, nei cestini? Zago è affiancato da una brigata di cucina al completo, una food&beverage manager, un esperto di logistica e ovviamente molti “biker”. Il menu è a base di piatti e ricette tipici della tradizione italiana ma con tocchi insoliti e intriganti:

«Un ristorante di qualità dentro un cestino, per una cena subito pronta e un po’ speciale»

vaschette_gen_17_10

Abbiamo fatto una ricerca: oggi erano disponibili proposte come quiche alle cipolle, verdure d’autunno al vapore (forse un po’ fuori tempo massimo), zuppa di cavolo nero, patate e cannellini, cous cous agli ortaggi, ceci speziati, prezzemolo e limone, lasagne con carciofi e ricotta, faraona e verze stufate, polpettone della mamma. E ancora filetto di spigola e carciofi e per finire zuppa inglese. I prezzi? Dai 4 agli 8 euro a porzione, almeno per le pietanze disponibili. Si paga ovviamente con carta di credito o PayPal. Gli orari di consegna sono quattro: 18,30, 18,45, 19 e 19,15.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti