Il servizio che consegna la cena in stazione (appena scendi dal treno). iCestini

Ordini in giornata e un fattorino ti aspetta di fronte ai binari per consegnarti il piatto: si parte da Milano con Cadorna e Porta Garibaldi

Un food delivery, sì. Ma direttamente alla stazione. Si chiama iCestini.it ed è il primo servizio di consegna della cena davvero espresso: le pietanze ti vengono consegnate appena sceso dal treno. L’idea della piattaforma per i pendolari è di Anna Prandoni, lei stessa pendolare ultradecennale fra Busto Arsizio e Milano ed ex direttrice del magazine La Cucina Italiana per 14 anni, dal 2000 al 2014. Insieme a lei Roberta Carenzi, direttrice marketing, e Lapo Niccolini, presidente e ad della casa editrice Quadratum. Questo il trio che, insieme allo chef Fabio Zago e alla sua squadra, ha deciso di lanciare iCestini.

Consegna_2

Come funziona

«Questo nuovo servizio nasce da una necessità fino ad ora non soddisfatta – spiega Prandoni – sono pendolare da quasi vent’anni e da altrettanto tempo lavoro in ambito editoriale e gastronomico e ho pensato che solo una cosa avrebbe dato una svolta alle mie serate: un servizio di delivery che mi aspettasse in stazione!». iCestini funziona così: ogni giorno è possibile ordinare dal sito i piatti preferiti. Tutte le pietanze, preparate in giornata, vengono confezionate in vaschette monoporzione termosaldate e 100% smaltibili nell’umido della raccolta differenziata. Un fattorino in bici ti consegnerà la cena alla stazione e all’orario indicati. Una volta a casa basterà un passaggio in forno o al microonde e il pasto sarà servito.

iCestini_pack_APERTO

Dove è attivo

Al momento, iCestini è attivo davanti alla stazione ferroviaria di Milano Cadorna, nella sede di piazza Aspromonte 13 (citofono iCestini), davanti a Hic in via Spallanzani 12 (Porta Venezia), in Gae Aulenti (via Cappelli 1) e davanti alla stazione Porta Garibaldi.
 Il team de iCestini sta costantemente lavorando per arrivare alla stazione Centrale e in altri punti strategici di Milano, che è la piazza scelta per l’esordio.

vaschette_gen_17_3

Cosa c’è dentro

Cosa ci si trova, nei cestini? Zago è affiancato da una brigata di cucina al completo, una food&beverage manager, un esperto di logistica e ovviamente molti “biker”. Il menu è a base di piatti e ricette tipici della tradizione italiana ma con tocchi insoliti e intriganti:

«Un ristorante di qualità dentro un cestino, per una cena subito pronta e un po’ speciale»

vaschette_gen_17_10

Abbiamo fatto una ricerca: oggi erano disponibili proposte come quiche alle cipolle, verdure d’autunno al vapore (forse un po’ fuori tempo massimo), zuppa di cavolo nero, patate e cannellini, cous cous agli ortaggi, ceci speziati, prezzemolo e limone, lasagne con carciofi e ricotta, faraona e verze stufate, polpettone della mamma. E ancora filetto di spigola e carciofi e per finire zuppa inglese. I prezzi? Dai 4 agli 8 euro a porzione, almeno per le pietanze disponibili. Si paga ovviamente con carta di credito o PayPal. Gli orari di consegna sono quattro: 18,30, 18,45, 19 e 19,15.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale