Start-Up Chile sceglie Oreegano, la startup della dieta personalizzata

Il progetto nato a Roma sarà accelerato per sei mesi in Sudamerica. In programma anche una campagna di crowdfunding su Crowdfundme

«L’esperienza cilena nel più importante acceleratore del Sudamerica ci fornirà gli strumenti per internazionalizzare ed aprire Oreegano anche ad investitori overseas». Sudamerica? Cile? Che sta succedendo alla startup di Francesca Bufano? E’ successo che Oreegano, la startup romana (già accelerata a LUISS Enlabs) è stata selezionata da Start-Up Chile per seguire un programma di accelerazione sostenuto dal governo Cileno della durata di sei mesi. Questo permetterà di internazionalizzare i servizi e di tradurre il sito prima in spagnolo e poi in inglese, aprendo la startup a nuovi mercati. E non è finita. In pentola anche il lancio della campagna di crowdfunding su Crowdfundme. Obiettivo è raggiungere gli 80 k iniziali necessari per avviare la crescita e successivamente raggiungere un tetto di 200 K complessivi. Ma che fa Oreegano? Giuseppe Grilli, Francesca Bufano, Daniela Cotimbo, Ilario Lagravinese (i quattro del team) hanno sviluppato una tecnologia in grado di identificare i valori nutrizionali e di classificarla a seconda delle esigenze alimentari degli utenti. Vegani, vegetariani o onnivori che siano. Compatibile anche con una delle intolleranze alimentari o anche idonea ad una dieta sportiva ad esempio.

Oreegano

Francesca Bufano, Ilario Lagravinese, Giuseppe Grilli, Daniela Cotimbo: il team di Oreegano

In Cile gli strumenti per il mercato internazionale

Non solo Startup-Chile, Francesca Bufano e gli altri hanno lanciato anche una campagna di crowdfunding. «Il boost necessario – spiega Bufano – per estendere i nostri servizi in tutta Italia, raggiungere 170.000 utenti entro fine anno, ed arrivare a break-even in 15 mesi». Obiettivo? «Oreegano vuole essere il punto di riferimento di tutti gli attori della sala alimentazione, in grado di fornire la risposta più intelligente alle nostre esigenze. Ed il meglio deve ancora arrivare».

20 mila utenti, 4 mila ricette

Oreegano non è solo una piattaforma di ricette, ma una vera e propria community di amanti della cucina sana che ad oggi ha raggiunto i 20 mila utenti che, a loro volta, hanno condiviso oltre 4 mila ricette e salvato quelle degli altri nel proprio ricettario personalizzato. Tra loro, food blogger, chef stellati ed importanti aziende di settore che in questo modo hanno la possibilità di veicolare informazioni nutrizionali sui loro prodotti e di suggerire ricette e metodi di preparazione appropriati.

Anche network di professionisti

L’azienda si è spinta anche oltre, permettendo ai suoi utenti di ricevere pareri mirati grazie a Oreegano Dieta, il network dedicato ai professionisti della nutrizione che permette di trovare in pochi semplici passi il nutrizionista esperto, specializzato in diversi ambiti e localizzato nelle vicinanze. Lanciato a dicembre su Roma, il servizio vanta già un network di oltre 80 professionisti e mira a conquistare un mercato, quello delle diete e della sana alimentazione, mercato che nel mondo vale 37 miliardi di euro mentre solo in italia la sua grandezza è di 1.4 miliardi di euro.

In Sudamerica

Il Cile ha dimostrato una particolare attenzione al tema della sana alimentazione: è del 2016 una legge che impone una rigida etichettatura sulla qualità degli alimenti con lo scopo di educare la popolazione. In questo contesto la startup trova terreno fertile per validare il suo percorso e testare il mercato internazionale della sana alimentazione.

Leggi anche: Dall’editoria al food, cosa fanno le 5 startup presentate all’Investor Day a LUISS Enlabs
Leggi anche: La dieta ideale fatta insieme da nutrizionisti e community. Cosa fa Oreegano

No Commenti a “Start-Up Chile sceglie Oreegano, la startup della dieta personalizzata”

  1. Fabio

    Direi che ciò vale non solo per i nativi digitali, ma anche per moltissimi over 30… Un sacco di gente sui social condivide qualsiasi cosa senza verificare se è vera o meno

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Come cambia il futuro del cibo e il senso del nostro (ultimo) caffè con le startup

Quattro settimane, quattro grandi temi e sfide per il futuro. A due passi dal Duomo di Milano. L’ultima The Next Tech Breakfast di StartupItalia! è dedicata al Foodtech, al futuro del cibo al cibo del futuro: una scommessa che per l’Italia vale 1 milione di nuovi posti di lavoro entro i prossimi 10 anni

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure