A TEDx Torino come e dove pranzeremo fra 10 anni

Con il titolo “This must be the place”, il 29 gennaio il TEDx Torino racconterà il mondo dei prossimi 10 anni, visto da chi sta già studiando per immaginarselo e lavorando per cambiarlo

Dove pranzeremo, tutti i giorni, fra 10 anni? Quali sono le tendenze che ci aspettano? Ma soprattutto, chi le determinerà?
Luca Iaccarino, giornalista gastronomico e Food Editor di EDT Lonely Planet, sale sul palco di TEDxTorino 2017 per raccontare la sua idea, che è anche la sua speranza. E cioè che tra tanti riflettori puntati sull’alta gastronomia, uno s’accenda sulla ristorazione quotidiana, sulle trattorie in cui, ogni giorno, mangiano 13 milioni di italiani. 13 milioni di pasti totalmente ignorati dai mass media se non da LEI, la Grande Sorella: La Rete.
TripAdvisor è bene? È male? Quale sarà il futuro dei social che misurano il gradimento dei locali? Che responsabilità avrà ciascuno di noi nel determinare il cibo domani?

Quello che si racconterà a Torino il 29 gennaio è il mondo dei prossimi 10 anni, visto da chi sta già studiando per immaginarselo e lavorando per cambiarlo.

Un giorno. 29 gennaio 2017.
Un titolo. This must be the place.
Un tema (I Luoghi) e tre sessioni (Le Persone, Il Cambiamento, Il Pianeta) per svilupparlo.

TEDxTorino

Il modello, ormai diffuso, è quello di TED, l’organizzazione no profit americana nata nella Silicon Valley per andare alla “ricerca di idee che meritano di essere diffuse” e condividerle.

I TED saranno 23. Ogni ospite avrà tra i 5 e i 14 minuti per salire sul palco e parlare della propria idea.

Oltre a Luca Iaccarino saliranno sul palco Gianluca Boggia, a ragionare su carcere e lavoro, Guido Avigdor, guru del mondo della comunicazione. Parole e musica, talk e installazioni artistiche.

Interverranno anche i MYBOSSWAS, recenti vincitori di Biennale College in una performance fra musica acustica, musica elettronica, video e animazioni.

Il programma è fitto. 23 interventi in 3 sessioni e nelle pause la possibilità di conoscerci, scambiare idee e opinioni.
Le telecamere filmeranno ogni intervento, perché possa essere messo in rete e diventare davvero patrimonio di tutti, attraverso una miriade di canali, a cominciare da Facebook, Flickr e Youtube.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi