Pachon (Kiwi Campus): «La nostra piattaforma per il cibo nelle università»

La startup colombiana accelerata a StartupBootCamp Foodtech ha sviluppato una piattaforma di food delivery per i campus universitari. Obiettivo? Scalare negli States e in Europa e chiudere il primo round di investimento

Connettere gli studenti e sviluppare una piattaforma di food delivery dedicata espressamente ai campus universitari. Dove si possono fare ordinazioni su una mobile app e un altro studente (il Kiwer) sarà pronto a ritirare il cibo. In meno di 25 minuti. E’ questa l’idea su cu lavora il team di Kiwi Campus, startup colombiana nata a Bogotà a febbraio 2016 con il sostegno di Start-Up Chile, e al momento a Roma, accelerata a StartupBootCamp Foodtech, prima struttura verticale nata per sostenere le startup del foodtech. «Kiwi Campus, l’unica piattaforma di delivery che abbiamo preso in considerazione. E’ una startup colombiana che ha sviluppato un modello estremamente performante di delivery nei campus universitari con operations già in 6 campus del Sud America e uno in Usa, nientemeno che Uc Berkeley, a due passi dalla Silicon Valley» come ha spiegato QUI a StartupItalia! Peter Kruger, ceo e founder di StartupBootCamp FoodTech. Il team è composto da Felipe Chávez (ceo), Jason Oviedo (cto) e da Sergio Pachon, coo. Sergio ci ha raccontato com’è nata l’idea di Kiwi Campus e i progetti per il futuro.

Kiwi Campus

Kiwi Campus – il team

Sergio, perché avete scelto le università?
«I campus spesso sono grandi e chiusi. Alcuni delle attuali applicazioni on demand non funzionano bene: sono un servizio costoso. Inoltre abbiamo visto che le offerta che si possono trovare in giro per le università non sono buone, si tratta solo di fast food con hamburguer, pizza, hot dog».

I vostri punti di forza
«Abbiamo pensato prima di tutto a sviluppare una piattaforma focalizzata su un ambiente per studenti, con l’obiettivo di migliorare la loro vita: cibo di qualità e la possibilità di avere qualche soldo in più. Un servizio on demand conveniente e utile per gli studenti, che contribuiscono così a creare anche un nuovo canale di vendita per i ristoranti e piccole imprese all’interno delle università».

Parliamo del team
«Io e Felipe ci siamo incontrati a Londra nel 2010. Abbiamo lavorato insieme per più di 4 anni. Questo non è il nostro primo progetto insieme. I valori principali di Kiwi sono: il rispetto e l’aiuto reciproco».

Prima di Kiwi Campus, avete lavorato ad altri progetti?
«4 anni di esperienza nel settore on-demand con la nostra ultima azienda Lulo.com.co».

I primi mesi di accelerazione a Startupbootcamp FoodTech
«Siamo orgogliosi di essere stati selezionati per Startupbootcamp FoodTech. Ci ha dato la possibilità di imparare ad essere più organizzati e a pensare più a livello globale. I prossimi passi? Scalare negli States e in Europa, a partire dall’Italia. E chiudere il primo round di investimento».

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi