Perfrutto raccoglie 75k su Mamacrowd e va in overfunding. Zibordi: «Non ci fermiamo»

Il progetto di frutticultura di precisione, sviluppato dalla startup di Marco Zibordi, ha chiuso in anticipo la campagna di equity crowdfunding. C’è ancora più di un mese per continuare a raccogliere fondi

Perfrutto è il progetto di frutticultura di precisione, nato per monitorare la crescita delle piante prevedendone quantità e dimensione. La startup di Marco Zibordi (ceo di HK Horticultural Knowledge, la startup che ha sviluppato PerFrutto), nata da un gruppo di ricercatori e docenti di Agraria dell’Università di Bologna, ha raccolto 75 mila euro su Mamacrowd, la piattaforma di equity crowdfunding di SiamoSoci. Il progetto ha raggiunto il 107% della campagna (goal a 70 mila euro). In poche settimane Per Frutto ha trovato 11 nuovi soci su Mamacrowd, con una media di circa 7 mila euro a investimento. La startup ha ancora più di un mese per continuare a raccogliere fondi: la data di chiusura infatti è fissata per l’8 febbraio. È ancora possibile investire, dal momento che PerFrutto ha la possibilità di andare in overfunding, raccogliendo fino a 200 mila euro, come già era successo su Mamacrowd con Club Italia Investimenti 2.

PerFrutto

A sinistra Marco Zibordi (ceo), a destra Corrado Puppo (sales manager) di PerFrutto

Siamo partiti bene

«Dovremmo avere ancora qualche cartuccia. Stiamo continuando a lavorare sul fronte investitori, siamo partiti bene e ora abbiamo ovviamente alzato ancora un po’ l’asticella» ha detto a StartupItalia! Marco Zibordi. «Siamo contentissimi di com’è andata fino ad ora, gran parte del merito va anche a SiamoSoci, ci hanno seguito costantemente in tutto il lungo e impegnativo percorso preparatorio» ha aggiunto. Mentre sui soci che hanno investito ha detto: «Il panorama degli investitori è molto eterogeneo, abbiamo conosciuto persone con background anche molto diversi e ognuno ha visto nel nostro progetto caratteristiche interessanti diverse». per quanto riguarda il futuro di Perfrutto, Zibordi anticipa: «Puntiamo a diffondere il più possibile il “verbo” della frutticoltura di precisione. Fiere, eventi, convegni, incontri con i potenziali clienti. L’agricoltura è forse uno degli ultimi settori in cui è arrivata l’Information Technology. Per vari motivi il settore è sempre stato molto conservativo, ma ora vogliamo stravolgere questa attitudine e mostrare che l’innovazione può dare ottimi risultati anche in questo campo, andando a valorizzare tradizione ed esperienza».

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/cLflJMQr04E”]

Quantità e dimensioni, in anticipo

PerFrutto è una startup che permette di conoscere in anticipo la quantità della frutta alla raccolta e il numero di frutti per classe e dimensione. Ha lanciato la propria campagna di equity crowdfunding a novembre 2016 e ha superato l’obiettivo minimo richiesto. La startup ha raccolto 75 mila euro in anticipo di più di un mese sui tempi prefissati, ma ha la possibilità di proseguire il suo overfunding trovando nuovi investitori e soci.

Il calibro digitale, il database e l’algoritmo

Il progetto Perfrutto ruota intorno a tre elementi: il calibit, un calibro digitale dotato di memoria utilizzato per rilevare il diametro dei frutti. Il database con cui confrontare i dati di crescita della propria cultura, una sorta di memoria storica. E l’algoritmo grazie a cui i dati vengono raccolti e processati. Il risultato è uno strumento che permette agli agricoltori di migliorare il profitto dei propri terreni fino al 40% per ettaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era