Big data e cibo local per i distributori automatici del futuro. Byte Foods

Il progetto mette al centro frigoriferi smart assortiti di prodotti freschi della zona che mettono insieme i dati sugli acquisti per una gestione più elastica, anche in tempo reale

I distributori automatici, che passione. Gli italiani hanno una vera dipendenza dalle “macchinette”. Secondo una recente indagine della Camera di Commercio di Milano biglietti, oggetti di vario tipo, farmaci e cibo passano sempre più da queste macchine. Non solo diffuse ovunque, dalle palestre agli uffici, ma spesso raccolte in veri e propri negozi senza l’ombra di un commesso.

Il boom in Italia

L’anno scorso il settore è cresciuto del 6,1% con un’impennata guidata da Roma e seguita da Milano. Ma una delle capitali dell’automazione distributiva è Bari. Tuttavia in testa alla classifica delle regioni c’è la Lombardia, dove si trova un distributore automatico su sei tra tutti quelli installati sul territorio nazionale. Nulla sembra scalfire quest’insaziabile passione per il fai-da-te commerciale. Neanche la sonora multa che l’Antitrust ha spedito lo scorso giugno ai principali operatori del settore, in particolare quelli che si occupano di alimenti e bevande, per un totale di oltre 100 milioni di euro. La decisione parlava di intesa anticoncorrenziale per mantenere elevato il livello dei prezzi dividendosi mercato e clientela.

Byte Foods

Una macchinetta ogni 25 italiani

Abbiamo una macchinetta ogni 25 italiani – sono oltre 2,5 milioni di apparecchi sparsi ovunque – per un giro d’affari che nel 2015 toccava i 2,5 miliardi di euro. Eppure spesso deludono. Nel senso che distribuiscono cibi e bevande poco salutari, mal conservati e soprattutto sempre gli stessi. Insomma, il distributore automatico non è mai cambiato nella sua concezione di fondo. Non si è “aperto” al tessuto locale, alle eccellenze e alle aziende del territorio, alle genuinità della zona. La stazione di Roma come quella di Napoli o di Milano così come l’ospedale di Trieste. Le macchinette come piccoli, sporchi e un po’ tristi McDonalds dello snack volante.

Dal junk food all’organico

Qualcosa potrebbe cambiare. Passando dai cibi a lunga conservazione, tendenzialmente spazzatura (merendine pregne di grassi idrogenati, patatine, bibite iperzuccherate) a quelli freschi. Non solo: rivoluzionando l’assortimento, che di solito è schiacciato fra pochi prodotti che vendono moltissimo e altri che fanno fatica a terminare. Sempre in virtù del posto in cui sono collocati. Infine, spostando il focus dallo snack ad (almeno in parte) un pasto completo.

bytefridge_blur1

I superfrigoriferi di Byte Foods

Il progetto di Byte Foods

Questo lo scenario al quale spera di arrivare una startup californiana, la Byte Foods di San Rafael. Che ha messo a punto delle macchinette di nuova concezione. Si tratta in realtà di frigoriferi smart già diffusi in migliaia di palestre, ospedali, luoghi di lavoro e residence che mettono insieme big data e approccio local. Ogni prodotto ha un tag Rfid individuabile dal frigorifero. Per comprarlo devi strisciare la carta di credito in un lettore e aprire il portellone del frigo. Alla successiva chiusura tutto ciò che mancherà dal frigo sarà addebitato sulla tua carta: bando ai furbetti.

Le evoluzioni non finiscono qui: Byte Foods si concentra infatti su un’offerta realizzata con cibi locali. Bevande, panini, burrito, zuppe e insalate – quindi qualcosa di più e di meglio rispetto agli snack – prodotti con ingredienti di alta qualità, spesso cibo organico che negli Stati Uniti potremmo trovare in catene come Whole Foods Market o da noi da NaturaSì. La differenza è che il prezzo è più basso che in negozio.

cvzyvs8waaiwzwu

Megan Mokri, cofondatrice di Byte Foods con il marito Lee

I big data rivoluzionano le macchinette

Terzo passaggio: la raccolta dei dati. Secondo Lee Mokri, che ha fondato la società con la moglie Megan ed ha un passato nel settore del food, le informazioni che ruotano intorno alla macchinetta intelligente – tutte quelle sul prodotto ma anche sul luogo in cui è posizionato il distributore e sull’acquirente – vengono date in pasto a un algoritmo che può dar vita a una serie di possibilità personalizzate. Dopo aver realizzato un account, la macchina potrebbe per esempio notificarti quando la tua zuppa preferita non è disponibile. Ma anche l’apparecchio potrebbe modificare i propri prezzi in base all’assortimento, magari per favorire il consumo di cibi facilmente deperibili che sarebbe meglio smaltire entro la giornata per evitare sprechi e massimizzare i profitti.

byte-4

Il superfinanziamento

Non è un caso che Byte Foods abbia appena raccolto 5,5 milioni di dollari in un round di finanziamento seed. In fondo, dei 17 milioni di macchinette diffuse nel mondo solo 1,5 sono connesse a internet e in grado di essere gestite in modi così elastici. A guidare il round la Spring Creek Investment Management, un fondo di Philadelphia che si occupa di cibo e agricoltura. Fr agli altri che hanno partecipato Bolt e Bessemer Venture Partners.

byte-1

Insomma, anche la distribuzione automatica di generi alimentari è destinata a fare un passo in avanti per diventare, almeno in parte, il frigorifero di casa nostra traghettato sul posto di lavoro. La società che le gestisce può tenere traccia del successo di nuovi prodotti, capire come organizzare l’inventario e rivoluzionare la logistica e l’approvvigionamento. Fino alla massima soddisfazione si chi le utilizza ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era