Il Ristorante Solidale di Just Eat contro gli sprechi alimentari

La piattaforma di food delivery ha lanciato una nuova iniziativa con comune di Milano, Caritas e Pony Zero per ridurre gli sprechi e redistribuire il cibo a chi ne ha bisogno

Just Eat, tra le principali piattaforme di food delivery in Italia (5.200 ristoranti affiliati in 400 comuni), ha lanciato una nuova iniziativa insieme al comune di Milano, alla Caritas Ambrosiana e a Pony Zero. Si chiama Ristorante solidale. L’obiettivo è ridurre gli sprechi e redistribuire il cibo a chi ne ha bisogno. Dell’iniziativa fanno ovviamente parte anche alcuni ristoranti partner. E’ in pratica il primo progetto di food delivery solidale su scala nazionale. Si partirà a gennaio e presto anche Roma sarà interessata, così come altre città. Pony Zero si occuperà delle consegne e dei ritiri di cibo ed eccedenze dalla rete di ristoranti aderenti, che si spera sempre più numerosa, per trasportarli a domicilio in alcuni punti caldi identificati insieme alla Caritas.

7_just-eat_delivery

Milano, i ristoranti aderenti

Sul capoluogo meneghino hanno già aderito una dozzina di ristoranti: dal giapponese Kombu, ai tre negozi di C’era una volta una Piada e ancora Lapa Milano (Ristorante brasiliano), Tram (Laboratorio del tramezzino Veneziano), i due ristorante Il bue e la Patata e 4 store della catena Panini Crocetta da pochissimo entrati nel circuito Just Eat e «già felici» di aderire a Ristorante solidale, fanno sapere da Just Eat.

Eccedenze alimentari

Cosa faranno i locali aderenti? Semplice. Prepareranno, in corrispondenza di un calendario di appuntamenti prefissati, eccedenze alimentari comprendenti materie prime non lavorate, prodotti freschi, pane, prodotti integri non utilizzati, pronti per essere ritirati e consegnati in luoghi come il Refettorio ambrosiano. Non solo: Just Eat potrà effettuare degli ordini speciali da consegnare altrove, sempre in un luogo identificato da Caritas. Dovunque ce ne sia necessità.

ste7211

Il Refettorio Ambrosiano di Milano

Il valore di azioni solidali

«Siamo molto orgogliosi di annunciare la nascita di questo progetto in collaborazione con PonyZero, a cui ci affidiamo per tutta la parte logistica, e a un partner serio e impegnato come Caritas Ambrosiana poiché per noi, che lavoriamo nel mercato dei servizi per ordinare cibo a domicilio, il food rappresenta una risorsa preziosa il cui valore è inestimabile – ha spiegato Daniele Contini, country manager di Just Eat in Italia – la Fao ha calcolato che ogni anno si sprecano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, pari a un terzo della produzione totale destinata al consumo umano. Sono cifre pazzesche. Con Ristorante solidale vogliamo contribuire insieme ai ristoranti a sensibilizzare anche la città e le istituzioni sull’impatto negativo generato dalle perdite alimentari e diffondere maggiore consapevolezza sul valore di azioni solidali».

Contro lo spreco alimentare

Il progetto nasce in linea con legge contro lo spreco alimentare approvata lo scorso agosto e dedicata a favorire, a fini di solidarietà sociale, il recupero e la donazione di beni alimentari, farmaceutici e di altri prodotti in favore di soggetti che operano senza scopo di lucro. Tutte le informazioni sull’iniziativa, le modalità di adesione e le città in cui man mano sarà attivata sono disponibili QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era