Olio EVO selezionato e design (tutto Made in Italy). Il progetto OOXX

La startup accelerata a SpeedMiUp sviluppa una Olive Oil Extra Experience che coinvolge l’intera filiera dell’olio. Dalla selezione alla conservazione

Le migliori varietà (cultivar per essere precisi, ce ne sono 500 nel nostro Paese) italiane di olio extra vergine di oliva, selezionate, conservate in modo corretto e trasportate mantenendone inalterate le qualità. Fino alla tavola. E’ quanto propone di fare OOXX – Olive Oil Extra Experience, il progetto sviluppato da Italolive, la startup di Linda Lopergolo. L’olio può essere anche portato in tavola nell’OOXX Box, un’oliera di design tecnologica che contiene ampolle monodose, che assicura la conservazione delle caratteristiche dell’olio una volta portato in tavola. Della Olive Oil Extra Experience, di design e di SpeedMiUp (dove sono entrati a giugno 2015) abbiamo parlato con il Linda Lopergolo, che di OOXX è il ceo.

Ooxx

«OOXX Box è un oliera di design studiata e brevettata per un nuovo metodo di conservazione dell’olio extravergine d’oliva. L’ultimo anello della catena – spiega Linda Lopergolo – prima c’è il processo di conservazione dell’olio». Ricordiamo che l’olio ha delle regole di conservazione molto severe: va tenuto al buio, in un contenitore di vetro o acciaio (non nella plastica), in una temperatura che va dai 10 ai 16 gradi. «Il tipo di olio? E’ monocultivar ma viene da ogni parte d’Italia». Sul design dell’oliera, Linda spiega che si tratta di un prodotto «disegnato da Luciano Galimberti, presidente di ADI Design – Associazione per il Disegno Industriale. L’oliera è tutta Made in Italy». OOXX ha vinto anche il bando Start Up e Re Start della Regione Lombardia. «Implementare il network degli olivicoltori, sviluppare l’ecommerce e cercare di essere sempre più protagoniste nelle tavole degli italiani» il piano per il futuro di OOXX.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/UejtVS91wwI”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity