Olio EVO selezionato e design (tutto Made in Italy). Il progetto OOXX

La startup accelerata a SpeedMiUp sviluppa una Olive Oil Extra Experience che coinvolge l’intera filiera dell’olio. Dalla selezione alla conservazione

Le migliori varietà (cultivar per essere precisi, ce ne sono 500 nel nostro Paese) italiane di olio extra vergine di oliva, selezionate, conservate in modo corretto e trasportate mantenendone inalterate le qualità. Fino alla tavola. E’ quanto propone di fare OOXX – Olive Oil Extra Experience, il progetto sviluppato da Italolive, la startup di Linda Lopergolo. L’olio può essere anche portato in tavola nell’OOXX Box, un’oliera di design tecnologica che contiene ampolle monodose, che assicura la conservazione delle caratteristiche dell’olio una volta portato in tavola. Della Olive Oil Extra Experience, di design e di SpeedMiUp (dove sono entrati a giugno 2015) abbiamo parlato con il Linda Lopergolo, che di OOXX è il ceo.

Ooxx

«OOXX Box è un oliera di design studiata e brevettata per un nuovo metodo di conservazione dell’olio extravergine d’oliva. L’ultimo anello della catena – spiega Linda Lopergolo – prima c’è il processo di conservazione dell’olio». Ricordiamo che l’olio ha delle regole di conservazione molto severe: va tenuto al buio, in un contenitore di vetro o acciaio (non nella plastica), in una temperatura che va dai 10 ai 16 gradi. «Il tipo di olio? E’ monocultivar ma viene da ogni parte d’Italia». Sul design dell’oliera, Linda spiega che si tratta di un prodotto «disegnato da Luciano Galimberti, presidente di ADI Design – Associazione per il Disegno Industriale. L’oliera è tutta Made in Italy». OOXX ha vinto anche il bando Start Up e Re Start della Regione Lombardia. «Implementare il network degli olivicoltori, sviluppare l’ecommerce e cercare di essere sempre più protagoniste nelle tavole degli italiani» il piano per il futuro di OOXX.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/UejtVS91wwI”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era