Starbucks lancia il frappuccino al sapore di Pokémon e trasforma i ristoranti in Pokéstop

In centinaia di ristoranti Usa della famosa catena di caffetterie gli appassionati di Pokémon Go possono ritrovarsi per cacciare i mostriciattoli

Quando eravamo piccoli avevamo il gelato al sapore di “puffo”. Lo scorso weekend, invece, abbiamo scoperto che sapore hanno i Pokémon. La catena Starbucks ha stretto un accordo con Niantic Labs, l’azienda madre del videogioco, per trasformare centinaia di ristoranti in “Pokéstop”, cioè punti di raccolta dei piccoli mostriciattoli. Non solo: Startbucks ha lanciato l’8 dicembre 2016 il Frappuccino al sapore di Pokémon che, stando alla descrizione sul sito, dovrebbe esser composto da una base di vaniglia, mischiata con sciroppo di lamponi e more ghiacciate con una spruzzata di crema in cima. Insomma, i draghetti e le tartarughe che si acchiappano per strada, hanno il sapore dei frutti di bosco.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Per ora l’iniziativa è stata avviata solo negli Stati Uniti, in circa 7.800 location che sono diventate “palestre” per allenatori di Pokémon Go. Il gioco è il primo che la Nintendo ha sviluppato per dispositivi mobili, in collaborazione con Niantic, azienda che si occupa specificatamente di realtà aumentata (di proprietà Google). La possibilità di prendere i Pokémon con la realtà aumentata è stato l’elemento che ha fatto sì che quest’app diventasse virale: i piccoli mostri si “cacciano” per le strade, nei negozi, perfino nei musei. Tant’è che ci sono state non poche polemiche sul fatto di permettere l’attivazione del gioco anche in luoghi delicati, come scuole, luoghi di memoria, cimiteri.

Gli Startbucks, invece, diventeranno un punto di incontro per gli appassionati, che potranno ordinare per qualche tempo il frappuccino al sapore di Pokémon. Non è la prima volta che la Niantic stringe accordi di questo tipo. Lo aveva già fatto con McDonald’s: in Giappone già da qualche tempo tra hamburger e patatine si trovano anche Pokémon.

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era