Ferrigni (Wallfarm): «Con Lia portiamo le coltivazioni fuori suolo in ogni casa»

Da InnovAction Lab a Startupbootcamp FoodTech, il progetto rende più facile la cultura fuori suolo idroponica e non solo su qualunque scala (dalla produzione casalinga fino alle installazioni di grandi dimensioni)

Da InnovAction LabStartupbootcamp FoodTech, il primo acceleratore verticale sul food che li ha scelti per il suo programma. Dall’idea di un micro-giardino da scrivania al progetto di sistema che rende facile la cultura fuori suolo (idroponica e non solo) su qualunque scala (dalla produzione casalinga fino alle installazioni di grandi dimensioni). A svilupparlo una startup (6 co-founder e tre collaboratori nel team) che si è costituita a Roma a dicembre 2015. Il progetto si chiama Wallfarm. E ruota intorno a Lia. «Ci definiamo l’Intel del vertical farming – dice a StartupItalia! Ares Ferrigni, ceo di Wallfarm – abbiamo realizzato Lia, che sta per Lean Intelligence Agriculture. E’ pensata per essere uno standard di automazione nel vertical farming». Un «automation box» che senza bisogno di installazione troppo complicate si adatta a qualunque sistema di orto verticale. Il risultato? «Le piante coinvolte nel sistema crescono da sole» assicura Ferrigni. Non solo. Lia raccoglie anche i dati delle coltivazioni (temperatura, ph, elettroconduttività). Nel prossimo futuro? Un fundrising per lanciare la prima produzione di pezzi di Lia.

Wallfarm

Il team di Wallfarm. Al centro Peter Kruger, ceo di Startupbootcamp FoodTech, dove la startup è accelerata

La coltivazione fuori suolo è il futuro dell’agricoltura

Non solo coltura idroponica, ma «tutte le coltivazioni fuori suolo – spiega sempre Ares Ferrigni – dove secondo noi va il futuro della coltivazione. In tutto il mondo sono utilizzate più dell’80% delle terre, ma la popolazione crescerà di 3 miliardi da qui al 2050». Così come c’è stata una rivoluzione verde negli anni Quaranta «dovrà essercene un’altra nei prossimi anni. La coltivazione fuori suolo è il futuro dell’agricoltura». Coltivazione fuori suolo vuol dire portare le coltivazioni in città «fino dentro agli appartamenti».

Il network di Startupbootcamp

Il progetto Wallfarm è nato alla fine del 2015, dopo l’esperienza a maggio 2015 a Innovaction Lab, dove si è formato gran parte del team. «Siamo nati ufficialmente in occasione del lancio di One, un progetto finanziato da Barilla». A settembre 2016 poi il cambio di passo. «Abbiamo pivottato da One a Lia e siamo entrati a Startupbootcamp FoodTech a novembre. In pochi mesi è successo veramente di tutto». Ferrigni si riferisce soprattutto alla rete «pazzesca» di contatti di Startupbootcamp. «Grazie a loro siamo entrati in contatto con Guala Closures, che segue per noi la parte più innovativa del prodotto». Non solo sviluppo del progetto ma anche possibilità di investimento da parte di mentor e interesse da parte di fondi di venture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era