Scaffali interattivi e info in tempo reale. A Milano la Coop del futuro

Al Bicocca Village il supermercato progettato insieme ad Accenture e Avanade con applicazioni touch che permettono di orientarsi tra le categorie di prodotto

Banchi interattivi che, con un movimento della mano (grazie ad una soluzione innovativa sviluppata da Accenture e basata su sensori Kinect), permettono di visualizzare su un monitor informazioni sul prodotto, tra cui l’origine, i valori nutrizionali, l’eventuale presenza di ingredienti allergizzanti. E anche le istruzioni per lo smaltimento. Scaffali verticali associati ad un’applicazione touch che permettono di orientarsi tra le categorie di prodotto, filtrarle e cercare ciò che si desidera: una vera e propria etichetta aumentata che consente al cliente di avere una conoscenza approfondita del prodotto che sta per comprare. E ancora. Uno schermo che proietta dati e contenuti in tempo reale, tra cui: offerte speciali del giorno, suggerimenti per la preparazione di cibi, ma anche notizie dal mondo social, oppure l’elenco dei prodotti più venduti e le promozioni per ciascuna categoria. C’è anche questo nel supermercato del futuro, il nuovo punto vendita di Coop, Accenture e Avanade, inaugurato il 6 dicembre al Bicocca Village a Milano. Avanade è una joint venture tra Accenture e Microsoft. In questo caso, Accenture ha aiutato Coop a implementare l’infrastruttura IT e ad analizzare e sviluppare i touchpoint del punto vendita. Il risultato è una soluzione modulare e flessibile basata su una piattaforma cloud Microsoft Azure, facilmente scalabile e replicabile in un ampio numero di negozi. Le soluzioni tecnologiche del progetto sono state originariamente concettualizzate per Coop in occasione di Expo Milano 2015 dallo studio Carlo Ratti Associati, diretto da Carlo Ratti, professore del MIT.

 supermercatodelfuturo

Un’esperienza di acquisto coinvolgente e immersiva

Nel nuovo punto vendita, Coop, Accenture e Avanade hanno concretizzato un connubio tra mondo fisico e digitale, in un ambiente progettato per essere accogliente e innovativo. Uno spazio in primo luogo che consente l’accesso ad informazioni utili sui prodotti. «Con il Supermercato del Futuro di Coop, realizziamo quella convergenza tra fisico e digitale che permette di creare un’esperienza di acquisto realmente coinvolgente e immersiva – ha dichiarato Alberto Pozzi, Managing Director della Retail Practice di Accenture in Italia – Coop dà così forma al supermercato di domani, combinando in un’unica esperienza: personalizzazione dei servizi, accesso ad informazioni approfondite sui prodotti e utilizzo di dispositivi connessi, che accompagnano il consumatore nell’acquisto. Confidiamo di poter proseguire in questa collaborazione e di continuare a portare i benefici dell’innovazione ai clienti Coop».

Coop

Più informazioni in modo intuitivo

Stefania Filippone (executive in Consumer Goods & Retail, Avanade, Italia) sottolinea poi come Avanade viva «con entusiasmo il potere dell’innovazione digitale e la possibilità di poterla vedere realizzata. Siamo felici di aver aiutato Coop a trasformare in realtà il concetto di Supermercato del Futuro». Per Marco Pedroni, Presidente di Coop Italia «Accenture e Avanade hanno messo a sistema la loro competenza digitale per aiutarci a ridisegnare l’esperienza d’acquisto dei prodotti alimentari abilitando un “viaggio digitale” che risponde al bisogno dei nostri clienti di avere accesso a maggiori informazioni e ad ulteriori funzionalità, in modo coinvolgente, semplice e intuitivo».

Coop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Lyrebird, la tecnologia che permette di copiare la voce di chiunque

Parlare con Donald Trump o fargli pronunciare praticamente qualsiasi cosa potrebbe non essere più un problema. Una startup canadese ha trovato il modo di riprodurre le caratteristiche vocali di qualsiasi persona con l’analisi di un solo minuto di parlato