Questa startup ha sviluppato una piattaforma per il mercato ortofrutticolo. Fruitsapp

Il progetto di Carlos Iborra e Eslem Alzate ha sviluppato una piattaforma per snellire il commercio nel settore ortofrutticolo, in modo che sia più semplice, veloce e più economico. Fruitsapp partecipa al programma di accelerazione di di Startupbootcamp FoodTech a Roma

Una piattaforma online che mettere in comunicazione trader, produttori e compratori del mercato ortofrutticolo, così che ognuno di loro può di volta in volta aggiornare la propria offerta e trovare in ogni momento l’opportunità migliore. Su questa premessa alla fine di novembre 2016 Carlos IborraEslem Alzate (il primo dieci anni di esperienza nel settore ortofrutticolo come trader, il secondo è originario del Messico ma vive a Valencia da quando ha 11 anni) hanno costituito a Roma Fruitsapp, startup che ha l’obiettivo di snellire il commercio nel settore ortofrutticolo, in modo che sia più semplice, veloce e più economico (solo in Italia ci sono circa 500 mila compagnie collegate al settore frutta e verdura che producono un valore di circa 13 miliardi di euro).
Cuore del progetto la piattaforma, sulla quale le interazioni tra produttore e consumatore avvengono immediatamente e dove ogni compratore, produttore, grossista e trader può compiere le proprie operazioni giornaliere. Inoltre, la logistica è integrata in ogni transazione, così che il produttore non ha bisogno di definire le modalità di trasporto autonomamente.
Carlos e Eslem hanno anche partecipato ad ottobre 2016 anche ai selection days di Startupbootcamp FoodTech e sono stati fra i selezionati per prendere parte al programma dell’acceleratore verticale sul food di via Ludovico di Savoia a Roma. La piattaforma è ancora in fase beta e verrà lanciata ufficialmente a metà dicembre. Di questo e dei progetti futuri abbiamo parlato proprio con Carlos Iborra.

Leggi anche: Le 10 startup di Startupbootcamp FoodTech (scelte fra le 21 dei Selection Days)

Fruitsapp

Il team di Fruitsapp. A sinistra: Eslem Alzate co-founder e CTO. Al centro: Elena Molinaro CMO e pubbliche relazioni. A destra: Carlos Iborra co-founder e CEO

 

Carlos qual è l’obiettivo di Fruitsapp?

«Dopo aver lavorato per 10 anni per le più grandi multinazionali nel settore di frutta e verdura, ho notato molte inefficienze e la necessità di rivoluzionare il modo di gestire giornalmente la compravendita, essendo completamente obsoleta per i tempi in cui viviamo oggi. L’obiettivo principale di Fruitsapp è accelerare le procedure quotidiane, facilitando la connessione tra le imprese nel settore ortofrutticolo e, inoltre, aiutarle ad espandere il proprio business in modo rapido e sicuro. Aiutiamo i produttori di frutta e verdura a connettersi direttamente con i migliori clienti in tutto il mondo. Aiutiamo anche i clienti a trovare i migliori produttori in tutto il mondo».

Tu ed Eslem avete deciso di sviluppare Fruitsapp a Roma. Perché

«L’Italia è uno dei maggiori produttori di frutta e verdura non solo d’Europa ma anche del mondo. Abbiamo dunque pensato che avere la nostra base in Italia ci avrebbe aiutato a sviluppare nel migliore dei modi e con più garanzie il nostro progetto. Inoltre siamo stati selezionati da Startupbootcamp FoodTech per partecipare al programma di accelerazione per i prossimi tre mesi. Questo ci ha permesso di avere già l’appoggio di alcuni produttori italiani».

La piattaforma che state per lanciare è in tre lingue. Una scelta dettata da quale esigenza?

«Ci stiamo focalizzando sul mercato italiano e spagnolo, per questo abbiamo deciso di sviluppare la piattaforma in italiano e spagnolo. Abbiamo sviluppato anche una versione in inglese per favorire l’internazionalizzazione della piattaforma e garantire che i migliori produttori e consumatori nel mondo possano connettersi».

Siete nel programma di Startupbootcamp FoodTech. Che cosa ha convinto gli investitori secondo voi?

«Molti investitori e mentors presenti durante i selection days sono stati attratti dal nostro progetto perché consapevoli del potenziale dello stesso. Si tratta di una piattaforma che pretende cambiare completamente il modo di lavorare nel settore ortofrutticolo e il mercato potenziale è molto grande. Un altro fattore fondamentale che ha convinto gli investitori e i mentor è stato il team. Siamo giovani, abbiamo esperienza nel settore e nello sviluppare siti web e siamo aperti all’innovazione».

I progetti futuri.

«Puntiamo ovviamente ad internazionalizzarci in tutto il mondo, diventando un punto di riferimento per la gestione della compravendita giornaliera».

[iframe id=”https://player.vimeo.com/video/173673872″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina