Cosa mangeranno gli astronauti che sbarcheranno su Marte per tenere su il morale

Ai pionieri del Pianeta Rosso andrà peggio che ai colleghi sulla ISS: barrette ipercaloriche dai gusti molto strani. Ma dalla Nasa assicurano non faranno sentire troppo la nostalgia di casa

Orion è una navicella che la Nasa sta sviluppando da anni. Dovrebbe essere utilizzata a partire dal 2021 per l’esplorazione umana degli spazi cislunari, cioè fra la Terra e la Luna, degli asteroidi e, in prospettiva, per un futuro sbarco su Marte. La nuova frontiera di tutte le agenzie spaziali del mondo nonché il più potente fronte di fascinazione fra le persone.

23128844405_6151e276cd_k

Le barrette caloriche

Bene, cosa mangeranno gli astronauti ospitati da Orion? No, non chi dovesse colonizzare il pianeta Rosso ma i pionieri. Il menu predisposto dalla Nasa è assai più mortificante di quello disponibile nella Stazione internazionale spaziale, dove l’equipaggio può scegliere fra oltre 200 alimenti, alcuni dei quali davvero strani. Verso Marte ci si limiterà a barrette altamente caloriche.

L’aspetto essenziale è lo spazio. Quello interno al veicolo, non quello interplanetario. Sarà limitato e dovrà essere occupato al meglio, anche in termini di rifiuti prodotti. Non basta. Oltre allo spazio c’è anche un discorso di temperatura, energia, reidratazione degli alimenti preparati a Terra e ovviamente l’impossibilità di rinfoltire le riserve con carichi periodici, come avviene sull’Iss.

nasa-food-bars

Obiettivo: ridurre volume e scarti

Abbiamo dato un’occhiata a come ridurre il volume tramite il taglio del packaging e della sistemazione di ciò che l’equipaggio mangerà” ha spiegato Jessica Vos, viceresponsabile degli aspetti relativi alla salute e alla tecnologia di Orion. Per questo gli scienziati dello Human Research Program hanno sfornato diverse barrette di vari gusti inclusi alcuni particolari come “barbecue nut” e “banana nut”. Ogni snack contiene fra le 700 e 800 calorie.

522700-youtube

Il cibo conta molto, in una missione simile. Pare dunque che le barrette siano state pensate proprio per mantenere il morale degli esploratori marziani il più elevato possibile. Il lavoro è stato totale: secondo Takiyah Sirmons, food scientist al Johnson Space Center della Nasa a Houston, non c’era nulla di simile in commercio da cui partire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era