Cosa mangeranno gli astronauti che sbarcheranno su Marte per tenere su il morale

Ai pionieri del Pianeta Rosso andrà peggio che ai colleghi sulla ISS: barrette ipercaloriche dai gusti molto strani. Ma dalla Nasa assicurano non faranno sentire troppo la nostalgia di casa

Orion è una navicella che la Nasa sta sviluppando da anni. Dovrebbe essere utilizzata a partire dal 2021 per l’esplorazione umana degli spazi cislunari, cioè fra la Terra e la Luna, degli asteroidi e, in prospettiva, per un futuro sbarco su Marte. La nuova frontiera di tutte le agenzie spaziali del mondo nonché il più potente fronte di fascinazione fra le persone.

23128844405_6151e276cd_k

Le barrette caloriche

Bene, cosa mangeranno gli astronauti ospitati da Orion? No, non chi dovesse colonizzare il pianeta Rosso ma i pionieri. Il menu predisposto dalla Nasa è assai più mortificante di quello disponibile nella Stazione internazionale spaziale, dove l’equipaggio può scegliere fra oltre 200 alimenti, alcuni dei quali davvero strani. Verso Marte ci si limiterà a barrette altamente caloriche.

L’aspetto essenziale è lo spazio. Quello interno al veicolo, non quello interplanetario. Sarà limitato e dovrà essere occupato al meglio, anche in termini di rifiuti prodotti. Non basta. Oltre allo spazio c’è anche un discorso di temperatura, energia, reidratazione degli alimenti preparati a Terra e ovviamente l’impossibilità di rinfoltire le riserve con carichi periodici, come avviene sull’Iss.

nasa-food-bars

Obiettivo: ridurre volume e scarti

Abbiamo dato un’occhiata a come ridurre il volume tramite il taglio del packaging e della sistemazione di ciò che l’equipaggio mangerà” ha spiegato Jessica Vos, viceresponsabile degli aspetti relativi alla salute e alla tecnologia di Orion. Per questo gli scienziati dello Human Research Program hanno sfornato diverse barrette di vari gusti inclusi alcuni particolari come “barbecue nut” e “banana nut”. Ogni snack contiene fra le 700 e 800 calorie.

522700-youtube

Il cibo conta molto, in una missione simile. Pare dunque che le barrette siano state pensate proprio per mantenere il morale degli esploratori marziani il più elevato possibile. Il lavoro è stato totale: secondo Takiyah Sirmons, food scientist al Johnson Space Center della Nasa a Houston, non c’era nulla di simile in commercio da cui partire.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti