Il mulino smart che separa l’aria dalla farina. Il progetto di Cisco, Italtel e Università di Parma

Cisco, Italtel e Università di Parma insieme per un progetto IoT legato all’agrifood: un impianto per la depurazione dell’aria, di separazione pulviscolo-aria che si crea durante la produzione della farina

Un progetto di Industria 4.0 che ha l’obiettivo rendere “intelligenti” gli impianti e l’insieme di macchine, sfruttarne i dati e dare una risposta efficiente in termini di performance. Internet of Things? Sì, nel dettaglio stiamo parlando di un proof of concept, di un prototipo, di un filtro ciclonico a maniche, una macchina che al momento è nel campus dell’Università di Parma. Non una teoria, ma qualcosa di concreto: un impianto per la depurazione dell’aria, più precisamente di separazione pulviscolo-aria che si crea durante la produzione della farina. Una macchina alta sei metri, per 4 metri di larghezza. Iot? Una rete di sensori (di pressione, di portata) in grado di tenere sotto controllo un processo complesso e che comunicano in modo leggero, senza aver bisogno di cablaggi pesanti, ma in connessione wireless. L’ambito è quello dell’agrifood. Al progetto lavorano insieme Cisco, Italtel e Università di Parma (Dipartimento di Ingegneria Industriale). In collaborazione con Ocrim, azienda di Cremona, attiva nella produzione di mulini e nella fornitura di silos e trasporto cereali. Il progetto dura un anno. E’ stato firmato agli inizi di ottobre, ma Cisco, Italtel e Università di Parma ci stanno lavorando già dagli inizi del 2016. L’obiettivo? «Non solo assemblare una macchina, ma mettere a punto un approccio metodologico e creare un dispositivo scalabile e replicabile su diverse realtà» spiega Luca Ferraris, IoT Marketing Manager Italtel.

iot

Internet of Things applicato all’agrifood

«Un esempio di Internet of Things applicato al mondo industriale e più nel dettaglio all’agrifood» ha precisato sempre Luca Ferraris. Un esempio anche di collaborazione virtuosa. «Una filiera complessa e completa. C’è una grande azienda che può migliorare i suoi processi e che mette a disposizione i suoi macchinari. C’è Cisco che mette a disposizione la tecnologia. Italtel come system integrator in grado di mettere a punto l’impianto. E poi l’Università, che ha un ruolo fondamentale». Per capirsi «noi – aggiunge ancora il manager di Italtel – facciamo il sistema nervoso. L’Università si occupa del cervello». Si occupa del progetto anche Roberto Montanari, Professore Ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Parma. Che a proposito del futuro del progetto dice: «Il termine della collaborazione per ottenere il proof of concept è giugno 2017. Poi spero nasca una seconda fase». Quel momento in si sono verificate le condizioni per portare il modello fuori dal laboratorio.

 

iot

Nuove tecnologie a supporto dei modelli matematici

L’ottimizzazione dei processi attraverso la virtualizzazione dei sistemi produttivi e l’impiego delle tecnologie IoT. Il tutto finalizzato a minimizzare i costi, incrementare la qualità del prodotto, migliorare i processi di manutenzione e aumentare l’efficienza. Questo l’obiettivo finale del progetto. E Cisco? Enrico Mercadante, Technical Operations and Cloud South EMEAR di Cisco e responsabile dell’area innovazione nel piano Digitaliani, sottolinea come «le nuove tecnologie IoT arrivano a supporto dei modelli matematici sviluppati in ambito accademico. Solo i dati raccolti in tempo reale dai sensori di campo – aggiunge – e trasferiti grazie ad una rete affidabile, sicura e a minima latenza, consentono di trasformare un simulatore statico in qualcosa di vivo, in grado di adattarsi alle condizioni mutevoli dell’ambiente e del mercato all’interno del quale è inserito, al fine di poter trovare sempre la condizione ottimale di funzionamento».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Lyrebird, la tecnologia che permette di copiare la voce di chiunque

Parlare con Donald Trump o fargli pronunciare praticamente qualsiasi cosa potrebbe non essere più un problema. Una startup canadese ha trovato il modo di riprodurre le caratteristiche vocali di qualsiasi persona con l’analisi di un solo minuto di parlato