Orange Fiber e gli altri progetti premiati da Coldiretti con gli Oscar Green 2016

Adriana Santonocito ha trovato un modo per ridare nuova vita agli scarti delle arance, creando il tessuto Orange Fiber, che è anche la startup che ha sviluppato il progetto

Coniugare innovazione, agricoltura e sfida alla crisi può significare anche creare del business. Lo stanno facendo i vincitori del concorso Oscar Green 2016, il premio per la creatività d’impresa dei Giovani della Coldiretti. Innovare significa trasformare ad esempio un frutto antichissimo come la mela annurca, in una biopasticca contro il colesterolo. Un scarto (le bucce d’arancia) diventa materia prima per creare un tessuto nuovo e sostenibile. Questi e altri progetti sono “la testimonianza concreta del profondo processo di rinnovamento in atto nelle campagne che ha allargato i confini dell’attività agricola come dimostrano le rivoluzionarie novità che sono approdate alla finale del concorso”, fanno sapere proprio da Coldiretti.

oscar green 2016
I vincitori degli Oscar Green 2016

  • Categoria WeGreen. Roberto ed Elvira Cerami conquistano il premio grazie alla loro biocosmetica antispreco. Dell’orto di Roberto non si butta via nulla: da questo principio nasce il suo progetto imprenditoriale, realizzato in collaborazione con l’università di Caserta. All’ateneo sono state affidate le verdure invendute e, seguendo le tabelle ufficiali della farmacopea, ne son nate creme biologiche, maschere, saponi, tutti prodotti non citotossici. La materia prima vegetale viene combinata con olio di lavanda, yogurt bianco e olio d’oliva.

 

Oscar Green 2016 Roberto Cerami
  • Categoria Impresa Terra 2.0. Ogni anno dobbiamo smaltire 700 mila tonnellate di scarti d’arance. Adriana Santonocito ha trovato un modo per ridare nuova vita a questo materiale, creando il tessuto orange fiber. Tutto nasce dalla sua tesi di laurea, che è diventato un progetto di ricerca e poi una startup, con sede a Catania e in Trentino. Il tessuto è fatto con cellulosa estratta dagli scarti delle arance, che va a unirsi ad acetato di arance e seta. Il risultato è il raso e il pizzo. Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con il Politecnico di Milano, che ha realizzato il brevetto, depositato in Italia e all’estero.
Oscar Green 2016 Adriana Santonocito

Oscar Green 2016 Adriana Santonocito

 

  • Categoria Social Innovation. La mela annurca campana igp ha messo a disposizione della medicina le sue proprietà benefiche, note sin dal Medioevo. Il professore Ettore Novellino, preside della facoltà di Farmacia dell’università Federico II, di Napoli, insieme ai suoi ricercatori, ha scoperto che il fitocomplesso presente in questo prezioso frutto abbassa del 25% il livello di colesterolo cattivo e alza quello buono del 45%. Giuseppe Giaccio, presidente del consorzio della “Mela Annurca Campania Igp ha presentato la capsula che racchiude le sostanze benefiche del frutto. Ogni compressa sostituisce 3 mele. Tra i benefici del fitocomplesso c’è anche l’arresto della caduta dei capelli.
  • Categoria Fare Rete. L’enoteca del terzo millennio è ora realtà grazie all’impegno di Cristian Specogna e il suo team. L’idea è quella di rendere uniche le bottiglie riserva di ogni annate, con un dipinto fatto da diversi artisti italiani, creando così una collezione di 50-60 opere d’arte. Ogni anno i ristoranti o i salotti più esclusivi potranno vantarsi di possedere qualche gioiello di questa particolare collezione. Le opere saranno dipinte anche con lo stesso vino contenuto nelle bottiglie. L’azienda di Specogna conta 22 ettari di vigneto per una produzione di 120 mila bottiglie. Il 60% della produzione viene esportato in 25 Paesi.
Oscar Green 2016 Specogna

Oscar Green 2016 Cristian Specogna

 

  • Categoria Campagna amica. Zolla 14 sorge nei pressi di Treviso. È un’azienda da 11 ettari e 5 mila alberi. Per coltivare i cereali idonei a maltare una buona birra, è intervenuto un mastro birraio tedesco che ha pian piano spostato il metodo di coltivazione verso il biodinamico. Dalla sapienza della coltivazione del radicchio rosso di Treviso, nasce una birra stagionale, prodotta una volta all’anno secondo il disciplinare biodinamico.
  • Categoria Paese amico. L’architetto Francesco Lipari ha vinto il suo Oscar Green 2016, creando un orto interattivo. In collaborazione con il Comune di Siracusa e Campagna amica, ha creato un orto giardino che cambia assieme al clima esterno e allo stato d’animo. Infatti, il battito cardiaco di chi si avvicina a quest’orto canterino, influenza la melodia.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti