Crickelle, lo snack a base di grilli che si finanzia con il crowdfunding

Il progetto “Addento”, per estendere la produzione di cracker fatti con farina di grilli, punta a raccogliere 10 mila euro entro il 24 dicembre

Certo, a prima vista  i grilli potrebbero non sembrare il più invitante dei cibi. Eppure, a ben vedere, hanno molti vantaggi. L’entomofagia, la pratica di mangiare gli insetti, è qualcosa di molto lontano dalla tradizione culinaria italiana e, va detto, viene vista con un certo scetticismo. Proprio per questo motivo sono nate le Crickelle, cracker realizzati con farina di grilli. Il progetto alle spalle delle Crickelle si chiama “Addento” ed ha aperto una campagna di crowdfunding su Eppela che punta a raccogliere 10 mila euro entro il 24 dicembre.

addent

L’alternativa green

Le Crickelle sono degli snack salati simili agli altri che si trovano comunemente sul mercato, con la differenza di essere arricchiti con un 20% di farina di grillo“Addento” è stato pensato da un gruppo di ragazzi con una forte sensibilità per il benessere ambientale. Il loro obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza sull’impatto ambientale delle nostre scelte alimentari, proponendo un’alternativa concreta per migliorare la salute della pianeta. Gli insetti rappresentano infatti un’alternativa proteica al consumo di carne: i grilli in particolare hanno un contenuto proteico pari al 69% sul peso secco. Sono inoltre ricchi di vitamina B12 e di acidi grassi come Omega-3 e Omega-6.

Il cibo del futuro

Oltre al valore nutrizionale, va considerato anche quello ambientale: per produrre un chilo di carne di manzo servono circa 15mila litri di acqua, mentre per produrre l’equivalente di grillo ne basta soltanto uno. Non a caso la FAO ha definito gli insetti “il cibo del futuro”, capace di supplire alla carenza di cibo derivante dall’aumento costante della popolazione mondiale. Le Crickelle, per il momento, vengono prodotte in forme esclusivamente artigianale, seguendo la ricetta degli chef Marco Parrinello e Stefano Gamba. Proprio per aumentare la produzione i ragazzi hanno lanciato la campagna di crowdfunding che punta a raccogliere 10  mila euro entro il 24 dicembre: finora ne sono stati raccolti circa 1.600.

addento

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti