McDonald’s lancia l’hamburger alla Nutella (ma solo in Italia)

Si chiama Sweety ed è il nuovo piatto lanciato dalla catena di fast food. Costerà 2 euro

McDonald’s, la popolare catena di Fast Food, ha annunciato la nascita dell’hamburger alla Nutella. Come riporta l’Independent, per gustarlo bisognerà volare in Italia. Noi che già abitiamo nel Paese d’origine della crema alle nocciole, probabilmente dovremmo chiederci se la declinazione da fast food del prodotto sarà all’altezza delle pizze alla Nutella o dei panini con la stessa crema.

Sweety con Nutella di McDonald'sSweety con Nutella

“È arrivata una soffice dolcezza a cui non saprete resistere. Provate subito Sweety con Nutella: morbido pane con un cuore di cremosa golosità”. Questo il testo dell’annuncio postato su Facebook da McDonald’s che, promette, presto sarà disponibile anche in tutte le nazioni coperte dalla catena di fast food. Il panino sarà composto dalla classica pagnotta da hamburger, farcita con uno spesso strato di Nutella. Ovviamente, non conterrà carne. Lo Sweety con Nutella sarà disponibile nel reparto McCafé e costerà 2 euro.

Valori nutrizionali

Sweety contiene circa 1078 kj per porzione, il 13% del fabbisogno giornaliero. Per 100 grammi di prodotto, ci sono 6,4 grammi di proteine, 8,8 grammi di grassi, 0,41 grammi di sale, 1,9 grammi di fibre, 256 chilocalorie, 36 grammi di carboidrati, 3,5 grammi di grassi saturi e 3,5% grammi di zuccheri. Sembra che le polemiche sull’impiego dell’olio di palma negli alimenti non preoccupi più di tanto il leader mondiale del settore fast food.

Menu tutto italiano

Per l’Italia McDonald’s ha lanciato una serie di prodotti che valorizzano alcuni alimenti tipici del Bel Paese. Accanto all’hamburger farcito con pecorino al posto della tradizionale sottiletta a base di cheddar, di recente è stato anche proposto il tradizionale tiramisu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’empowerment delle donne passa per l’impegno delle aziende. NTT DATA per #STEMintheCity

L’azienda giapponese dell’ITC ha organizzato due incontri nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Milano per avvicinare le ragazze alle materie scientifiche, che si inseriscono in un percorso più ampio dedicato all’empowerment femminile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion