Ecco chi ha sfamato gli elettori in coda per votare: Pizza to the Polls

Le immagini delle lunghe code ai seggi americani hanno fatto il giro del mondo. L’obiettivo di questo sito è stato sfamare gli elettori affamati

La pizza è forse l’alimento più democratico al mondo. Conosciuta e amata in tutto il mondo, è diventata anche il simbolo del sostegno agli elettori americani che nell’election day dell’8 novembre hanno sostato per ore, in fila per votare, nei seggi di tutta America. Pizza To The Polls li ha ristorati, inviando pizze calde sul luogo dell’attesa.

pizza to the polls

“Americans are hungry for democracy”

“Gli americani sono affamati di democrazia” e lo hanno dimostrato, recandosi alle urne e consegnando al paese uno storico risultato: la vittoria del candidato repubblicano Donald Trump. “Ma lunghe attese significa stomaci vuoti, cosa che potrebbe scoraggiare questi coraggiosi patrioti dal fare il proprio dovere”, si legge sul sito. “Per fortuna Pizza to the Polls è qui per consegnare la sola cosa che si abbina perfettamente alla libertà: pizza calda”. Pizza to the Polls ha sostenuto tutti gli elettori, democratici e repubblicani, chiedendo di segnalare i luoghi in cui si aspetta. Bastava inviare una foto attraverso gli account social di Pizza to The Polls. Una volta ricevuta la segnalazione, l’organizzazione ha inviato pizze calde per sfamare chi è in fila.

C’entrano anche le “piccole mani di Trump”

“L’idea mi è venuta parlando con alcuni amici e Noah Manger”, ha spiegato Scott Duncombe a FoxNews.com. “Poi ho costruito il sito e ho iniziato a farlo funzionare la scorsa domenica. Abbiamo ricevuto dei soldi e un account Twitter con 4.000 follower dall’Americans Against Insecure Billionaires with Tiny Hands PAC“, una coalizione mondiale dedicata alle “piccole mani da bambino di Donald Trump”. Ma, come ha dichiarato l’imprenditore amante della pizza, la sua non è un’organizzazione schierata politicamente.

Sul portale c’è una richiesta di donazioni di denaro per pagare le pizze già consegnate. Attualmente sono stati donati 41.658 dollari: per pagare le 2.353 pizze ordinate servono ancora 3.171 dollari. I siti serviti durante il giorno delle elezioni si trovano in Ohio e Florida. Altre 16 pizze sono state offerte ai votanti di Cincinnati domenica scorsa ma, una volta diffusa la notizia, le segnalazioni sui social si sono moltiplicate e pizze calde e gratuite sono state consegnate in tutto il Paese. Qualora il denaro donato dovesse superare la soglia necessaria, verrà destinato per sfamare gli americani bisognosi. Il team che ha costruito Pizza to the Polls sta lavorando per creare nuove attività di beneficenza per nutrire chi ha fame.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti