5 app per raccogliere e coltivare funghi. E una per non perdersi nei boschi

Così l’innovazione rende la vita più semplice per professionisti ma anche per appassionati. Il segreto per un bel canestro di funghi? Studiare i boschi

Secondo il campione mondiale di raccolta funghi, Giuseppe De Moro, il segreto per un bel bottino sta tutta in una parola: studio. Bisogna studiare i boschi, «devi capire come reagiscono quando c’è poca pioggia, devi trovare le zone umide, gli spazi aperti dove le foglie non fanno da impermeabile al terreno». Questo è il consiglio, raccolto da Repubblica, di chi ha battuto 523 raccoglitori di funghi professionisti, provenienti da 7 nazioni, nel IV campionato mondiale del fungo. De Moro ha vinto il primo premio grazie ai 23 porcini raccolti, per un peso complessivo di 1.950 grammi.

funghi

credits pixabay.com

I consigli dal campione fungaiolo

Se per qualcuno la raccolta dei funghi è un hobby, per i partecipanti di questa vera e propria Olimpiade si tratta di una scienza. Così, oltre a tenere gli occhi aperti, si deve studiare. Si inizia però per passione, magari seguendo nonni e padri che per i boschi ci vanno sin da piccoli. Racconta De Maro: “Anche mio nonno Giovanni è stato un maestro. Mi diceva: raccogli ciò che vedi, non ciò che è nascosto”. E occhio a come li si raccoglie, questi tesori: “Odiava chi usava i rastrelli e anche chi distruggeva i funghi velenosi”, ricorda il campione. “Nessuno deve accorgersi che sei passato nel bosco, si raccomandava”.

Non perdiamoci

Il nostro tempo è prodigo di soluzioni tecnologiche ad ogni dilemma della quotidianità. Ecco dunque qualche utile strumento anche per questo sport, specie si è dei novellini. Track my Mushrooms è un’app che prima di tutto serve per non perdersi nel bosco. È possibile impostare il proprio giro, in modo da evitare i posti in cui si è già cercato. Inoltre è possibile segnalare sul percorso fatto i funghi trovati, in modo da creare un database dell’ecosistema fungino della zona esplorata.

Myco Free, iFunch e le altre app per i neofiti

Per diventare raccoglitori professionisti è fondamentale imparare a conoscere i funghi e magari salvarci la pelle, evitando di mangiare specie velenose. Lo smartphone ci viene in aiuto. Per iPhone e iPad sono disponibili app come Myco Free. Contiene informazioni su 50 tipi di funghi, corredati da immagini. Ci sono dati relativi all’habitat, alla commestibilità e alle somiglianze, che possono portare a confondere i funghi raccolti con altri non commestibili. Tutte le informazioni sono disponibili anche online: non è detto che nel bosco ci sia sempre campo.
iFunch di specie ne elenca 420, corredandole di foto. Inoltre il sistema di individuazione si basa sulle caratteristiche morfologiche e cromatiche. Si potrà anche testae la propria conoscenza fungina attraverso un quiz a risposte multiple.
Per Android c’è MushTool: identifica i funghi che si trovano lungo il cammino con immagini di alta qualità, corredate dal commento di un’esperto. Permette inoltre di cercare posti dove mangiarli – i funghi – dopo una giornata passata a cacciarli. Quando tornate a casa con il bel raccolto, attraverso questa app potrete scegliere la ricetta più adatta da preparare.

La tecnologia per coltivare i funghi

L’innovazione applicata al mondo fungino non è solo per gli smartphone. Infatti, qualora non abbiate modo di vagare per i boschi, cestello al braccio, per trovare le creature più gustose, si può ricorrere ai funghi coltivati. C’è chi ad esempio ha iniziato a creare allevamenti fungini partendo dai fondi di caffé. È il caso di Daniele Gioia, creatore di RecoFunghi, che ha iniziato a coltivare funghi in Basilicata sfruttando i fondi di caffè come fertilizzante. Stessa linea adottata anche da Funghi Espresso, creata da Antonio Di Giovanni e Vincenzo Sangiovanni, un agronomo e un architetto che hanno improntato la propria attività fungina al riciclo. L’impresa è stata ospite del Padiglione Italia di Expo 2015. Entrambe le startup si ispirano ai principi della Blue Economy: tecnologie a bassissimo, quasi nullo, impatto ambientale.

Le regole per la raccolta funghi

Se volete dedicare il vostro tempo alla raccolta dei funghi, non dimenticate però le norme previste dalla legge italiana e alcuni consigli del Corpo Forestale. Innanzitutto in alcune regioni hanno previsto l’obbligo del possesso di un tesserino, rilasciato dall’Ufficio Provinciale. A questo documento si dovrà allegare anche l’attestato di partecipazione ad uno specifico corso. Le regioni in cui questi documenti sono obbligatori sono: Lazio, Abruzzo, Umbria, Toscana, Campania, Molise, provincia autonoma di Trento e Bolzano. La legge disciplina anche la raccolta e la commercializzazione dei funghi: sono indicate le specie, le dimensioni e il quantitativo massimo di funghi che si possono raccogliere, oltre al calendario dei giorni in cui questa attività è permessa. Attenti alle aree protette, alle riserve e ai parchi nazionali: qui la raccolta è vietata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Lyrebird, la tecnologia che permette di copiare la voce di chiunque

Parlare con Donald Trump o fargli pronunciare praticamente qualsiasi cosa potrebbe non essere più un problema. Una startup canadese ha trovato il modo di riprodurre le caratteristiche vocali di qualsiasi persona con l’analisi di un solo minuto di parlato