Dopo l’exit a Tripadvisor, TheFork arriva sulle mappe di Apple

La piattaforma per la prenotazione di ristoranti online integra i suoi servizi con Apple Maps. Si potrà prenotare un tavolo usando direttamente l’applicazione su iOS 10

TheFork stringe un’altra importante alleanza. La piattaforma per la prenotazione di ristoranti online, integra i suoi servizi con Apple Maps. Grazie a questo accordo gli utenti della compagnia di TripAdvisor potranno prenotare un tavolo usando direttamente l’applicazione con iOS 10.

«L’obiettivo di TheFork è semplificare in ogni modo la ricerca e la prenotazione dei ristoranti per gli utenti – spiega Almir Ambeskovic, Country Manager TheFork Italia, a Startupitalia – in tal senso l’integrazione con le mappe di Apple non poteva mancare. Così possiamo aiutare le persone, dopo essersi orientate, a concedersi un’esperienza speciale al ristorante».

Leggi anche: TheFork, 4500 nuovi ristoranti. Ambeskovic: “Il mio anno da startupparo a manager”

 

TheFork

Almir Ambeskovic, Country Manager TheFork Italia

Come funzionerà

Integrando TheFork con Apple Maps, chi possiede un iPhone o un iPad potrà scoprire in modo più rapido gli oltre 30 mila ristoranti censiti in Europa e Sud America, leggere le recensioni degli utenti e trovare i tavoli migliori. Occhio agli sconti. Tutto questo senza uscire dall’app Mappe del melafonino.

«iOS 10 rende più semplice e conveniente la prenotazione di un ristorante con TheFork, permettendo agli utenti di riservare un tavolo direttamente all’interno dell’applicazione Mappe. I clienti possono cercare un ristorante e, se hanno installato l’app di TheFork, selezionare l’ora e prenotare un tavolo senza lasciare Mappe», spiega Bertrand Jelensperger, co-founder e CEO della compagnia e TripAdvisor Restaurants.

A oggi l’app di TheFork conta più di 5,7 milioni di download. È disponibile in 12 Paesi e conta oltre il 55% di prenotazioni, numero in continua crescita. La prenotazione via Apple Maps è ora disponibile in Francia, Belgio, Svizzera, Spagna, Italia, Olanda, Danimarca, Svezia, Turchia, Portogallo e Brasile. Anche l’Australia, dove il brand opera sotto il nome di Dimmi, la funzione sarà presto abilitata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale