Perché il mercato online del vino è terra inesplorata, parola di Magnocavallo (Tannico)

Oltre 100.000 le aziende vitivinicole italiane, quasi 10 miliardi di Euro il valore del vino venduto in Italia. Il founder di Tannico parte da questi dati per la sua analisi sul mercato del vino

Pubblichiamo un post firmato da Marco Magnocavallo, ceo di Tannico che ha appena chiuso un round da 3,8 milioni con P101. In queste righe racconta la sua fiducia di imprenditore nel mercato del vino online, portando alcuni numeri interessanti. 

Quando si parla di mercato online del vino sono in molti a etichettarlo come nicchia, ma è veramente un segmento così ridotto? Partiamo da alcuni semplici dati:

  • Oltre 100.000 le aziende vitivinicole italiane
  • Quasi 10 miliardi di Euro il valore del vino venduto in Italia
  • Oltre il 10% del mercato è composto da vino con un prezzo oltre i 7 Euro, quello che viene definito vino  da enoteca
  • Più di 1 milione di italiani consumano vino da enoteca
  • Nel mondo il mercato del vino totalizza 250 miliardi di Euro
Tannico

Marco Magnocavallo founder di Tannico

Mercato con una sicura crescita

Possono bastare questi quattro dati per capire come il mercato del vino non sia una nicchia quanto invece, in Italia ma anche in Europa, un mercato enorme e per l’online un canale ancora largamente inesplorato e con una sicura crescita per gli anni a venire. Quali sono quindi i motivi per cui in Italia, rispetto ad alcuni paesi europei come la Francia e il Regno Unito, la penetrazione delle vendite online di vino si attesta ancora solo allo 0,5% del mercato?

  1. Il primo elemento è legato al ritardo nella crescita delle vendite online in Italia rispetto agli altri paesi. Un ritardo che ci trasciniamo da anni e che lentamente stiamo recuperando in tutte le categorie merceologiche (e-commerce italiano a +16% nel 2015 secondo i dati dell’Osservatorio del Politecnico di Milano).
  2. Un secondo punto è sicuramente legato alle abitudini storiche degli italiani che sono abituati da sempre (ma sempre di meno per le nuove generazioni) ad acquistare il vino direttamente in cantina dal produttore.
  3. In ultimo c’è un motivo difficilmente spiegabile ma che registriamo parlando con le persone ed effettuando interviste dirette quando ci viene detto: “Si può veramente comprare il vino online?”. Ebbene sì, il vino si può comprare online: è più comodo, c’è una scelta più ampia e non è necessario spaccarsi la schiena trasportando casse pesantissime dal negozio a casa.

L’enoteca dei sogni in Europa e nel Mondo

Questi sono i motivi per cui, quasi quattro anni fa, ho deciso di fondare Tannico con il duplice obiettivo di diventare l’enoteca dei sogni per un appassionato di vini da un lato e di posizionarci in Europa e nel Mondo come il punto di riferimento per l’offerta di vino italiano.

Abbiamo quindi scelto, nei primi anni di attività, di concentrare i nostri sforzi nella costruzione del catalogo più completo di vini italiani, arrivato ora a oltre 6.000 etichette provenienti da 1.400 cantine diverse. Uno sforzo commerciale, di redazione e di selezione enorme che ci permette ora di guardare non solo al mercato italiano ma anche ai mercati esteri dove l’offerta di vino italiano di qualità è estremamente limitata.

Nuovi canali per il Made in Italy

Con Tannico e il nuovo round di investimento da 3,8 milioni di Euro guidato dal Fondo P101 insieme a diversi investitori privati, possiamo ora guardare all’espansione della nostra azienda sui mercati esteri.

Siamo partiti a settembre con un magazzino localizzato nel nord di Londra che ci permette di servire i clienti del Regno Unito con un servizio next day.

Ma non ci fermeremo qui e nei prossimi mesi Tannico porterà le eccellenze del vino italiano anche in Francia, Svizzera, Germania, Austria e Belgio. Un cammino di crescita faticoso ma emozionante che potrà aiutare il Made in Italy a trovare canali nuovi e dalle enormi potenzialità.

MARCO MAGNOCAVALLO
amministratore delegato di Tannico

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi