Festuccia (Cisco): «Perché crediamo nel futuro delle startup italiane del food»

Il programma per accelerare la digitalizzazione delle imprese e il ruolo del food: il punto con il responsabile dei progetti rivolti al settore agroalimentare di Digitaliani

Sostenere le aziende dell’agroalimentare nel processo di digitalizzazione, con strumenti legati alla connettività, all’acquisizione e all’analisi dei dati che arrivano dalla filiera. Dai campi, dalle cantine, dai mulini. Aiutare anche le startup digitali a lavorare perché l’innovazione sia effettivamente calata in un contesto agroalimentare. Digitaliani è il programma per accelerare la digitalizzazione di Cisco (che ha investito 100 milioni di dollari nell’arco di tre anni per aiutare il Paese nella sua trasformazione digitale): anche nel settore agroalimentare.

Leggi anche: Santoni (Cisco): «Perché ho fiducia nell’Italia, paese in via di sviluppo digitale»

 

Ne abbiamo parlato con Michele Festuccia, 46 anni, system engineer leader di Cisco Italia. Da gennaio 2016 è responsabile dei progetti rivolti al settore agroalimentare nel quadro del piano di investimenti di Digitaliani. Laureato in Ingegneria Elettronica, a Cisco da 18 anni, Festuccia è originario di Rieti «la patria del grano duro in Italia, dove l’agronomo Nazareno Strampelli sperimentò nuove tecniche di coltivazione». Sembra strano, ma proprio a Rieti «una valle, furono portati avanti studi sulla coltivazione del grano e tutte le sementi usate oggi sono frutto di quelle ricerche».

Michele Festuccia (Cisco Italia)

Michele Festuccia, System Engineer Leader (Cisco Italia) 

Festuccia, che cos’è Digitaliani?

«Digitaliani è l’iniziativa che Cisco sostiene da un anno e che è rivolta ad accelerare l’uso delle tecnologie del digitale a livello nazionale. Su processi che sono strategici per il Paese. L’obiettivo è far sì che l’Italia capitalizzi al massimo dall’adozione del digitale».

Anche nel food.

«Il food è uno dei pilastri di Digitaliani, il settore che in Italia genera più crescita (contribuisce al PIL per i 17%). Come ecosistema di aziende (ad ogni livello) era necessario mettere a disposizione degli strumenti informatici, perché l’ecosistema fosse più efficiente e performante».

Che genere di strumenti avete messo a disposizione?

«Strumenti che vanno dalla connettività (compresa la condivisione delle informazioni) all’automazione dell’acquisizione dei dati che provengono da una filiera (campo, cantina, mulino). Fino alla capacità di mettere in correlazione e analisi di dati prodotti, perché diventino informazioni da comunicare a stakeholder del settore (imprenditori, consumatori, clienti, buyer e distributori).

Che ruolo hanno le startup?

«Ci sono le startup di settore (come un’azienda agricola che ha deciso di implementare in modo innovativo un modello o un processo di lavorazione) ma anche le startup strettamente digitali dell’agroalimentare. Come Cisco Italia ci stiamo muovendo in entrambi i campi, cercando di spingere le startup di settore a pensare che le nuove tecniche di coltivazione, l’analisi di processo, devono essere accompagnate all’uso dei nuovi strumenti informatici. Mentre stiamo aiutando le startup digitali a pensare invece a lavorare perché l’innovazione sia effettivamente calata in un contesto agroalimentare».

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli