Festuccia (Cisco): «Perché crediamo nel futuro delle startup italiane del food»

Il programma per accelerare la digitalizzazione delle imprese e il ruolo del food: il punto con il responsabile dei progetti rivolti al settore agroalimentare di Digitaliani

Sostenere le aziende dell’agroalimentare nel processo di digitalizzazione, con strumenti legati alla connettività, all’acquisizione e all’analisi dei dati che arrivano dalla filiera. Dai campi, dalle cantine, dai mulini. Aiutare anche le startup digitali a lavorare perché l’innovazione sia effettivamente calata in un contesto agroalimentare. Digitaliani è il programma per accelerare la digitalizzazione di Cisco (che ha investito 100 milioni di dollari nell’arco di tre anni per aiutare il Paese nella sua trasformazione digitale): anche nel settore agroalimentare.

Leggi anche: Santoni (Cisco): «Perché ho fiducia nell’Italia, paese in via di sviluppo digitale»

 

Ne abbiamo parlato con Michele Festuccia, 46 anni, system engineer leader di Cisco Italia. Da gennaio 2016 è responsabile dei progetti rivolti al settore agroalimentare nel quadro del piano di investimenti di Digitaliani. Laureato in Ingegneria Elettronica, a Cisco da 18 anni, Festuccia è originario di Rieti «la patria del grano duro in Italia, dove l’agronomo Nazareno Strampelli sperimentò nuove tecniche di coltivazione». Sembra strano, ma proprio a Rieti «una valle, furono portati avanti studi sulla coltivazione del grano e tutte le sementi usate oggi sono frutto di quelle ricerche».

Michele Festuccia (Cisco Italia)

Michele Festuccia, System Engineer Leader (Cisco Italia) 

Festuccia, che cos’è Digitaliani?

«Digitaliani è l’iniziativa che Cisco sostiene da un anno e che è rivolta ad accelerare l’uso delle tecnologie del digitale a livello nazionale. Su processi che sono strategici per il Paese. L’obiettivo è far sì che l’Italia capitalizzi al massimo dall’adozione del digitale».

Anche nel food.

«Il food è uno dei pilastri di Digitaliani, il settore che in Italia genera più crescita (contribuisce al PIL per i 17%). Come ecosistema di aziende (ad ogni livello) era necessario mettere a disposizione degli strumenti informatici, perché l’ecosistema fosse più efficiente e performante».

Che genere di strumenti avete messo a disposizione?

«Strumenti che vanno dalla connettività (compresa la condivisione delle informazioni) all’automazione dell’acquisizione dei dati che provengono da una filiera (campo, cantina, mulino). Fino alla capacità di mettere in correlazione e analisi di dati prodotti, perché diventino informazioni da comunicare a stakeholder del settore (imprenditori, consumatori, clienti, buyer e distributori).

Che ruolo hanno le startup?

«Ci sono le startup di settore (come un’azienda agricola che ha deciso di implementare in modo innovativo un modello o un processo di lavorazione) ma anche le startup strettamente digitali dell’agroalimentare. Come Cisco Italia ci stiamo muovendo in entrambi i campi, cercando di spingere le startup di settore a pensare che le nuove tecniche di coltivazione, l’analisi di processo, devono essere accompagnate all’uso dei nuovi strumenti informatici. Mentre stiamo aiutando le startup digitali a pensare invece a lavorare perché l’innovazione sia effettivamente calata in un contesto agroalimentare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era