Adesso si può ordinare la pizza via Messenger, ad un bot: l’esperimento Pizza Hut

Il food delivery tradizionale sarà costretto a reinventarsi dalle fondamenta? Intanto le grandi catene, da Subway a Domino, stanno già stanando i Millennials nelle loro tane: le chat

Se i chatbot facessero fuori il food delivery tradizionale, quello che va tanto di moda in questo momento in mezzo mondo? O almeno se lo costringessero a ripensarsi dalle fondamenta? I segnali sono molti. L’ultimo è arrivato dalla catena Pizza Hut che sta costruendo una piattaforma di ordini sui social che passa dai chatbot di Facebook Messenger e dai Messaggi diretti di Twitter.Welcome.0

Ordinare con una chiacchierata

Le nuove chat, che partiranno ad agosto negli Stati Uniti, aiutano gli utenti a ordinare rapidamente e a ricevere informazioni sul brand in modo diverso dal passato. L’aspetto divertente è che ci sta lavorando una squadra da sei figure, non di più, in collaborazione con la società Converseable. Quei chatbot sono perfettamente integrati nella piattaforme esistente di e-commerce di Pizza Hut. Questo consente di memorizzare gli ordini più apprezzati e tenere in memoria i ristoranti di riferimento. Proprio come una vecchia chiacchierata con un amico.

PizzaHutChatbotReorder

 

La messaggistica è decollata e le ordinazioni sui social sono convenienti – ha spiegato Baron Concors, global chief digital officer del colosso – vogliamo sperimentare questo meccanismo anzitutto su Facebook e Twitter e aggiungere più avanti altri strumenti come l’ordinazione vocale su Amazon Alexa e Google Assistant”. Per questo dubitare che l’attuale strategia della classica applicazione possa rapidamente incrinarsi è più che legittimo.

pizza-hut3

Chi ci sta lavorando

Ci stanno lavorando in molti, da Taco Bell su Slack a Subway, che ha messo insieme una supersquadra di 150 persone insieme ad Accenture. Mentre Domino si ritiene ormai una compagnia di e-commerce a tutto tondo. Non è solo una questione di mode. Nel caso di Pizza Hut, per esempio, l’evoluzione tecnologica è necessaria in virtù degli scivolosi numeri del primo trimestre dell’anno, che hanno visto le vendite allo stesso livello del precedente. Bisogna insomma andare a pescare i Millennials, e i loro ancora più giovani fratellini, lì dove pascolano. Negli scorsi 12 mesi la società texana ha quindi raddoppiato il suo team digital portandolo globalmente a oltre 200 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’empowerment delle donne passa per l’impegno delle aziende. NTT DATA per #STEMintheCity

L’azienda giapponese dell’ITC ha organizzato due incontri nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Milano per avvicinare le ragazze alle materie scientifiche, che si inseriscono in un percorso più ampio dedicato all’empowerment femminile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion