In Giappone è già l’era dei contadini robot

In Oriente si lavora alla produzione automatizzata di lattuga. In arrivo anche la Vegetables Factory, prima fattoria robot al mondo

Entro il 2035, in Giappone, quasi la metà dei posti di lavoro potrebbe essere coperta dai robot. Lo dice un rapporto del Nomura Research Institute, che specifica come il dato vada riferito soprattutto ai lavori “non-creativi”, come call center, consegna merci e agricoltura. Abbiamo già visto come questo rappresenti una grande occasione, a lungo termine, per ripensare l’occupazione. In Giappone ne sono convinti. Spread, azienda che fornisce lattuga a circa duemila supermercati, ha deciso infatti di affidare la sua intera produzione ai robot. Tanto è vero che stanno lavorando per aprire, nel giro di un anno, la Vegetables Factory, prima fattoria robot al mondo.

(Foto: Spread)

Un’azienda agricola completamente automatizzata insomma, adibita alla coltivazione indoor di lattuga. “Ma il nostro obiettivo non è quello di sostituire agricoltori umani – ha tenuto a precisare JJ. Price, global marketing manager della Spread – ma di sviluppare un sistema in cui gli esseri umani e le macchine lavorino insieme”.

(Foto: Spread)

L’invasione dei robot contadini

Non aspettatevi di vedere dei contadini robot vestiti con stivali in gomma, camicia a quadrettoni e cappello di paglia. Le macchine in questione sono in realtà dei nastri trasportatori, dotati di bracci robotici su misura, in grado di maneggiare le piantine di lattuga senza danneggiarle. Dovranno occuparsi infatti, di quasi tutti gli aspetti della coltivazione (compreso il raccolto) monitorando passo passo la nascita e il mantenimento delle specie coltivate. “I semi continueranno però a essere piantati a mano” assicura Koji Morisada, uno dei responsabili del progetto.

“Questo sistema consentirà di ridurre i costi per il personale di oltre il 50% e quelli per l’energia di almeno un terzo”.

(Foto: Spread)

La Vegetables Factory – che dovrebbe sorgere a Kizugawa, nei pressi di Kyoto – è stata progettata per poter riciclare il 98% dell’acqua utilizzata per le colture. Il sistema automatizzato controllerà i livelli di temperatura, umidità e CO2, oltre a sterilizzare l’acqua e regolare l’illuminazione (a LED). Inoltre, i sensori installati all’interno avranno il compito di segnalare al personale umano qualsiasi anomalia riscontrata nella crescita delle piante.

(Foto: Spread)

Mezzo milione di lattughe al giorno in cinque anni

Il progetto prevede una struttura con una superficie di oltre quattromila metri quadrati: ben sedici livelli, a sviluppo verticale. All’interno, secondo Spread, si dovranno produrre circa 30mila cespi di insalata al giorno, con l’obiettivo di arrivare a mezzo milione al giorno in cinque anni.

(Foto: Spread)

“La nostra nuova azienda potrebbe diventare un modello per altre fattorie”, ha dichiarato Price. “Vogliamo generare interesse nel settore agricolo, in particolare tra i giovani”. Un modo intelligente per affrontare la grave carenza di manodopera che colpisce il Giappone, a causa dell’invecchiamento della popolazione. E una grande opportunità per il mondo dell’agricoltura chiamato a produrre sempre maggiori quantità di cibo – e qui parliamo di un sistema che permette di farlo in maniera efficiente e sostenibile – per una popolazione mondiale in continuo aumento.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti