Questa startup norvegese produce cibo per pesci e vince 100k. MiniPro

Il progetto di Ingmar Høgøy si aggiudica un milione di corone norvegesi all’Angel Challenge Bergen Finale (Startup Extreme 2016)

Angel Challenge è un programma di accelerazione di due mesi dedicato agli investitori. Ogni anno organizza Startup Extreme, tre giorni a Bergen con investitori, media, aziende. All’interno dell’appuntamento l’Angel Challenge Bergen Finale, un contest dedicato alle migliori startup tecnologiche, che quest’anno ha messo in palio un milione di corone norvegesi (circa 100 mila euro). Ad aggiudicarselo MiniPro, azienda che si occupa di produrre alimenti per gli avannotti, i pesci appena nati, sfruttando le potenzialità dell’acquacoltura. La startup, che non ha nemmeno un sito Internet, è riuscita a sbaragliare progetti che si davano già per vincenti, come MillaSays, startup che progetta applicazioni per i bambini con difficoltà di linguaggio, e Easybnb, startup che strizza l’occhio ad Airbnb. Come ha sottolineato recentemente l’Unione Europea in un paper, l’acquacoltura rappresenta uno dei mercati più floridi nel futuro, non solo esistono numerosi fondi a cui possono accedere startup e aziende decise a investire sul settore, ma in Italia il mercato è ancora per buona parte scoperto e  sono diverse le opportunità da cogliere.

MInipro


Ingmar Høgøy, CEO di MiniPro – credits twitter.com

Uno stile diverso di innovazione

La scelta di premiare MiniPro sembra mettere in luce la volontà della Norvegia di di voler investire nei settori dove la nazione presenta mercati già consolidati: oil & gas, settore logistico e ittico. Una scelta di questo tipo può essere particolarmente sensata, perché gli imprenditori conoscono i mercati di riferimento e possono eventualmente cogliere segmenti scoperti  o per cui l’offerta non è adeguata alle richieste di mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito