Winnow, su touchscreen controlli il cibo che va nei rifiuti (ed eviti sprechi)

La startup londinese ha già aiutato i ristoranti a evitare sprechi per 2 milioni di sterline. Grazie alla tecnologia gli operatori del food possono controllare gli avanzi e modificare le forniture

Ottanta miliardi di dollari. Tanto vale ogni anno lo spreco di cibo che generano i ristoranti. Tra gli avanzi lasciati nei piatti dai clienti e gli scarti che finiscono nella pattumiera per mano dei cuochi, la perdita economica è considerevole. Se poi si considera che due terzi di questo spreco potrebbero essere evitati il dato è ancora più impressionante. La startup londinese Winnow dal 2013 prova a porre un argine a questa perdita. E pare esserci in parte riuscita: i clienti che hanno deciso di rivolgersi all’azienda sono riusciti a risparmiare 2 milioni di sterline. E il mancato spreco ha anche inciso sulla quantità di anidride carbonica emessa in atmosfera. Si stima che la riduzione delle emissioni dell’intero settore alberghiero sia stata di 2700 tonnellate.

winnow-solutions-pic

Winnow aiuta a dare il giusto valore al cibo

Da quando è stata fondata nel 2013, Winnow ha raccolto 3,54 milioni di investimenti. A gennaio ha chiuso un round di finanziamento di serie A da 3,3 milioni di dollari. Winnow nel 2016 ha vinto il premio Guardian Sustainable Business Awards. Tutto è partito da un report che il fondatore della startup, Marc Zornes, ha scritto quando lavorava come consulente a McKinsey. In quel documento si quantificava lo spreco di cibo annuale nel mondo a 750 miliardi di sterline. Questo significa che un terzo del cibo prodotto non viene mangiato. Il nome della startup in inglese identifica lo strumento per separare il grano dalla pula. In sostanza, quello che oggi si propone di fare l’azienda: dare il giusto valore agli alimenti e evitare di buttare via quelli che non meriterebbero di finire nella spazzatura.

HANDOUT IMAGE

Controllare gli sprechi su touchscreen

Il sistema di Winnow permette alle cucine dei ristoranti di misurare quanto cibo viene buttato e di prevedere così meglio le quantità di alimenti da acquistare per riempire frigoriferi e dispense. E rendere così ogni cucina molto più efficiente e in grado di generare più profitto per il ristorante. Tramite Winnow lo staff di un ristorante può controllare su un touchscreen collegato a un semplice bidone della spazzatura il tipo e la quantità di alimenti che vengono gettati.

15951717452_b5e1f5e9b6_k

L’archivio di dati per ripensare le forniture

I dati vengono registrati in maniera automatica e ogni giorno viene inviato un report sulla casella di posta dei clienti. In base a queste informazioni è possibile apportare i cambiamenti necessari alla fornitura di cibo da acquistare, riducendo ad esempio le porzioni che generano più avanzi. Il dispositivo ha dimensioni molto contenute e si adatta a ogni tipo di cucina. Uno strumento moderno che potrebbe invertire la tendenza dei ristoranti a buttare nella spazzatura tanto quanto riescono a guadagnare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il porta-avanzi si fa chic con la Family bag (anti spreco alimentare)

Dopo la Doggy bag e la Good food bag arriva la Family bag. Che stavolta contro lo spreco alimentare punta sul look. Tanto da sembrare una pochette d’alta moda…

La startup contro lo spreco che ti fa risparmiare sulla spesa

Tutto iniziò con un’infornata di croissant che rischiavano di essere buttati. Oggi, Last Minute Sotto Casa conta più di 25mila iscritti in Italia

Lastminutesottocasa a braccetto con Day (contro lo spreco alimentare)

Lastminutesottocasa (informa sui prodotti alimentari in eccedenza nei negozi) stringe una partnership con Day, leader mondiale nei buoni pasto. Un’altra opportunità contro lo spreco alimentare

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era