“Peperonata e schiscetta home made. E il futuro è nel ritorno alle tradizioni”

La cosa più buona? “Pesce crudo”. L’innovazione nel food? “La consapevolezza di quello che mangiamo”. Il settore che promette? “Street food”. E a pranzo, schiscetta home made. Al Questionario di Food Elisa Sartor (Mani in Pasta)

Elisa Sartor, 31 anni, di Milano, nubile, architetto food designer (Maniinpasta).

1.

Cosa mangia a pranzo, nell’orario di lavoro?
Schiscetta home-made: molto spesso verdure e riso.

maniinpasta_elisasartor
2.

Cosa mangia invece a cena?
Di tutto.

3.

Vino o birra?
Vino.

4.

Piatto preferito in assoluto?
Peperonata.

5.

In quale percentuale, più o meno, mangia cibo importato dall’estero?
10%.

6.

La convince una dieta vegana?
No.

7.

In percentuale: quanto è attento alla salute quando è a tavola?
70%.

8.

Tecnologia del food: quale usa nel privato?
Vaporiera in bambù.

9.

In quale altro settore del food (oltre il suo) le piacerebbe operare?
Agricoltura.

10.

Ogm, cosa ne pensa: sì o no?
No.

11.

Prima o poi arriveranno sugli scaffali. Mangerebbe insetti?
No.

12.

Secondo lei, quali sono i settori più promettenti per una startup del food?
Street food.

13.

Il food è strategico per l’Italia. Cosa manca ancora per spingere il settore?
Ritorno alle tradizioni.

14.

Effetto Ratatouille: cosa rimpiange del cibo che mangiava da bambino?
I piatti della domenica.

15.

Il bimbo piange a dirotto perché vuole una merendina confezionata: quanto tempo resiste prima di cedere?
Non cedo.

16.

La cosa più buona mai mangiata.
Pesce crudo.

17.

La cosa più cattiva mai mangiata.
Fast food industriale.

18.

Se fosse chef, quale piatto sarebbe il suo cavallo di battaglia?
Pasta fresca.

19.

Qual è l’innovazione che sta rivoluzionando il food più delle altre?
La consapevolezza di quello che mangiamo.

20.

Ha il potere assoluto per un giorno: cosa farebbe per sconfiggere la fame nel mondo?
Darei a tutti una terra fertile da coltivare.

Ti potrebbe interessare anche

“Come battere la fame nel mondo? Moltiplicherei tutte le nonne…”

Cosa serve all’Italia? “Alleggerire la burocrazia”. La cosa più cattiva mai mangiata? “Polvere di pesce secco”. La fame nel mondo? “Moltiplico le nonne”. Al Questionario di Food Valentina Toscano (Maniinpasta)

“Io, la focaccia di Recco e il pane frattau (ma dico sì agli Ogm)”

La cosa più cattiva? Mole Poblano. La rivoluzione? E-commerce e marketplace. Ogm? Sì (e pure agli insetti). Al Questionario di Food Tommaso Cremonini (Fanceat)

“Pane, marmellata di nonna (e quelle lumachine nell’insalata…)”

Il futuro? “Agricoltura intelligente”. Il rimpianto? “Pane e marmellata della nonna”. Mangiare insetti? “Forse una formichina, ma niente ragni”. Al Questionario di Food Tiziana Cavalli (Azotech)

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia