“Come battere la fame nel mondo? Moltiplicherei tutte le nonne…”

Cosa serve all’Italia? “Alleggerire la burocrazia”. La cosa più cattiva mai mangiata? “Polvere di pesce secco”. La fame nel mondo? “Moltiplico le nonne”. Al Questionario di Food Valentina Toscano (Maniinpasta)

Valentina Toscano, 30 anni, di Montenero di Bisaccia, nubile, architetto, food designer (Maniinpasta).

1.

Cosa mangia a pranzo, nell’orario di lavoro?
Frutta e zuppa di verdure (la tipica sopa portoghese).

maniinpasta_valentinatoscano
2.

Cosa mangia invece a cena?
Pasta.

3.

Vino o birra?
Vino.

4.

Piatto preferito in assoluto?
Mezze zite con sugo di pollo di campagna.

5.

In quale percentuale, più o meno, mangia cibo importato dall’estero?
Vivo all’estero.

6.

La convince una dieta vegana?
No.

7.

In percentuale: quanto è attento alla salute quando è a tavola?
50%.

8.

Tecnologia del food: quale usa nel privato?
Mini pimer.

9.

In quale altro settore del food (oltre il suo) le piacerebbe operare?
Produzione televisiva.

10.

Ogm, cosa ne pensa: sì o no?
Mmmmmmm… No!

11.

Prima o poi arriveranno sugli scaffali. Mangerebbe insetti?
No.

12.

Secondo lei, quali sono i settori più promettenti per una startup del food?
Social eating design.

13.

Il food è strategico per l’Italia. Cosa manca ancora per spingere il settore?
Alleggerire la burocrazia che toglie l’entusiasmo di cui c’é bisogno.

14.

Effetto Ratatouille: cosa rimpiange del cibo che mangiava da bambino?
I sapori di casa.

15.

Il bimbo piange a dirotto perché vuole una merendina confezionata: quanto tempo resiste prima di cedere?
Infinito.

16.

La cosa più buona mai mangiata.
Spaghetti al pomodoro di mia nonna.

17.

La cosa più cattiva mai mangiata.
Polvere di pesce secco.

18.

Se fosse chef, quale piatto sarebbe il suo cavallo di battaglia?
Spaghetti alle vongole.

19.

Qual è l’innovazione che sta rivoluzionando il food più delle altre?
Il convivio come esperienza socio-culturale.

20.

Ha il potere assoluto per un giorno: cosa farebbe per sconfiggere la fame nel mondo?
Moltiplicherei tutte le nonne del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Birra, insalata, fegato in tutte le salse. E sì, gli insetti li assaggerei…”

Al Questionario di Food risponde Matteo Sarzana, 35 anni, general manager Deliveroo. “Cosa serve alle startup italiane per crescere di più? Fare sistema. Ora siamo battitori liberi”

“Il cinghiale di mia nonna, quella cernia a Cipro… (e vino rosso con il pesce!)”

“In cucina? Cinghiale, pasta al pesto con patate e niente tecnologia, neanche microonde. Insetti? I bachi da seta sono buoni”. Le startup? “Fare sistema”. Al Questionario di Food risponde Filippo Lubrano, coo di Eattiamo

Buone forchette a Lisbona, con chef Rubio (e una performance di pasta fresca)

Quattro giovani italiani, l’associazione culinaria Mani in pasta, il quartiere del fado a Lisbona, chef Rubio, un concorso e una performance (aperta a tutti) di gastronomia tradizionale creativa. Tutto nel nome delle (buone) forchette

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore