La Bbc risparmia e taglia le ricette dal sito: scoppia la rivolta

Alle prese con tagli e risparmi, la tv pubblica britannica razionalizza e prevede di eliminare dal sito Internet le ricette. Che però sono tanto amate dagli inglesi. Tanto che è subito diluvio di proteste (che arrivano persino a Cameron…)

Una vera e propria rivolta, perché tutto, ma le ricette sul web non si toccano. Così nel Regno Unito in pochi giorni sono state raccolte oltre 100mila firme in una petizione ideata per far cambiare idea alla Bbc sul destino del suo sito Internet di ricette, che i tempi di austerità stanno per portare allo spegnimento. Ma che sta facendo venire un autentico mal di pancia agli inglesi (e facendo tornare indietro sulla decisione).

bbc_ricette_1

I risparmi (sulle ricette) della Bbc

Insomma un disastro. La notizia è stata resa nota solo pochi giorni fa: la televisione pubblica britannica per risparmiare ha appunto deciso di oscurare il suo sito di ricette culinarie e di non aggiornarlo più. Ma la cosa è stata subito considerata come un vero affronto per i britannici, in un paese, il Regno Unito, che ha chef in televisione a tutte ore del giorno e che su alcuni di essi, come Jamie Oliver o Nigella Lawson, ha costruito dei veri e propri miti internazionali. L’obiettivo della Bbc è di risparmiare almeno 15 milioni di sterline, circa 19 milioni di euro al cambio attuale. Ma c’è chi è convinto che ora, dopo la sollevazione popolare, il servizio pubblico tv del Regno Unito possa appunto rivedere la sua decisione.

bbc_ricette_2

Addirittura un caso politico

E non è tutto. La decisione della Bbc è diventata persino un caso politico, con il governo ombra del Labour che ha accusato l’esecutivo conservatore guidato da David Cameron di voler depotenziare la televisione pubblica. Il tutto, appunto, in un periodo in cui lo stesso governo cerca di promuovere, almeno apparentemente, stili di vita più sani e mediterranei contro piaghe nordiche come l’obesità e l’alcolismo. Tanto per fare un esempio, recentemente  Westminster ha varato la nuova tassa sulle bibite zuccherate voluta dal governo. Tassa salutata proprio dal suo fan principale, il popolarissimo chef Jamie Olivercon una video esultanza di fronte al parlamento inglese andata su Facebook. Dove, naturalmente, è stata seguita da centinaia di migliaia di suoi follower,

Ti potrebbe interessare anche

Anche il pollo ha la sua app (con 90 ricette e tanti consigli…)

L’ultima nata si chiama W il pollo ed è una app piena di ricette, curiosità, modalità di consumo. E consigli in chiave anti spreco alimentare

La cucina tech/2. Dalle ricette alla scelta del vino giusto, le app che ci fanno diventare chef

Imparare le tecniche di base, preparare un’ottima cena con i cibi rimasti nel figo o indovinare il piatto giusto per l’amico vegano. Le applicazioni che ci aiutano a cucinare sono davvero tante. Ecco le migliori

Internet ha ucciso il vecchio ricettario?

Da una parte web e app hanno sostituito il tradizionale cookbook, dall’altra le librerie continuano a traboccare di volumi all’apparenza iperspecialistici ma spesso di scarsa qualità: chi sarà l’Artusi dell’epoca iperconnessa?

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia