“Cevapcici, che nostalgia. Fuori dall’ufficio? Produco aceto balsamico”

Il piatto preferito arriva dai Balcani. Il presente assorbito dal booking online dei ristoranti e il tempo libero dedicato a un prodotto di nicchia. Al Questionario di Food Almir Ambeskovic, country manager Italia di TheFork

Almir Ambeskovic, 38 anni, nato a Sarajevo. E’ country manager Italia di TheFork

1.

Cosa mangia a pranzo, nell’orario di lavoro?
Piatti leggeri, insalata, verdura, piatti di pesce e qualche volta sushi.

Almir Ambeskovic 2

2.

Cosa mangia invece a cena?
Di tutto!

3.

Vino o birra?
Vino.

4.

Piatto preferito in assoluto?
Ne ho tantissimi, ma nostalgicamente parlando direi cevapcici.

5.

In quale percentuale, più o meno, mangia cibo importato dall’estero?
Non tantissimo. Mangio spesso giapponese, quindi consumo gli ingredienti importati che servono per preparare il sushi, inoltre mangio ogni tanto fois gras e jamòn iberico.

6.

La convince una dieta vegana?
Non potrei essere vegano perché mi piace troppo la fiorentina, ma posso capire chi fa questa scelta.

7.

In percentuale: quanto è attento alla salute quando è a tavola?
Il giusto.

8.

Tecnologia del food: quale usa nel privato?
TheFork per prenotare i ristoranti naturalmente!

9.

In quale altro settore del food (oltre il suo) le piacerebbe operare?
Per adesso sono felice del settore in cui opero, nel mio tempo libero al momento produco aceto balsamico.

10.

Ogm, cosa ne pensa: sì o no?
Sì.

11.

Prima o poi arriveranno sugli scaffali. Mangerebbe insetti?
Credo di no.

12.

Secondo lei, quali sono i settori più promettenti per una startup del food?
Booking on line dei ristoranti!

13.

Il food è strategico per l’Italia. Cosa manca ancora per spingere il settore?
L’innovazione e le eccellenze ci sono, si fa ancora fatica a trovare investimenti per partire. Se però si insiste ce la si fa, noi siamo l’esempio lampante.

14.

Effetto Ratatouille: cosa rimpiange del cibo che mangiava da bambino?
Nulla.

15.

Il bimbo piange a dirotto perché vuole una merendina confezionata: quanto tempo resiste prima di cedere?
Se la vuole gliela do.

16.

La cosa più buona mai mangiata.
Sono troppe le cose buone che ho mangiato.

17.

La cosa più cattiva mai mangiata.
Rimossa dalla memoria.

18.

Se fosse chef, quale piatto sarebbe il suo cavallo di battaglia?
Piatti dove conta la materia prima più della preparazione: è il modo più semplice per essere apprezzati!

19.

Qual è l’innovazione che sta rivoluzionando il food più delle altre?
La condivisione delle esperienze. TripAdvisor e TheFork hanno cambiato il settore, dando visibilità a ristoranti di assoluta qualità, che non essendo in zone di passaggio, non avrebbero mai avuto successo.

20.

Ha il potere assoluto per un giorno: cosa farebbe per sconfiggere la fame nel mondo?
Una più equa distribuzione delle risorse potrebbe essere una soluzione, in altri termini quindi ci dovrebbe essere un maggiore sviluppo agricolo nelle regioni più povere del mondo.

Ti potrebbe interessare anche

“Il cinghiale di mia nonna, quella cernia a Cipro… (e vino rosso con il pesce!)”

“In cucina? Cinghiale, pasta al pesto con patate e niente tecnologia, neanche microonde. Insetti? I bachi da seta sono buoni”. Le startup? “Fare sistema”. Al Questionario di Food risponde Filippo Lubrano, coo di Eattiamo

“Io, la focaccia di Recco e il pane frattau (ma dico sì agli Ogm)”

La cosa più cattiva? Mole Poblano. La rivoluzione? E-commerce e marketplace. Ogm? Sì (e pure agli insetti). Al Questionario di Food Tommaso Cremonini (Fanceat)

“Paccheri alici e pecorino, conchiglie alla ricotta (e più IoT per l’agricoltura)”

Spaghetti ai ricci di mare e bottarga, niente birra né Ogm, le conchiglie alla ricotta di zia Lella. E poi certezze sul futuro dell’IoT in agricoltura. Al Questionario di Food risponde Simone Vacca, ceo e founder di Saporeato

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia