Cosa mangeremo su Marte? La Nasa ha una risposta: patate

Su Marte dovremo essere in grado di sfamarci senza fare affidamento sulle provviste. Così nel deserto peruviano un esperimento cerca le giuste varietà di patate su cui scommettere in condizioni estreme

Riusciranno i nostri pronipoti a sgranocchiare un bel cartoccio di patate fritte su Marte nel giro di qualche decennio? Difficile dirlo. Quasi impossibile. Ma la Nasa ci crede. O almeno, fuori dalle facili provocazioni, sta tentando di capire – con una serie di test sul terreno, nel deserto di Atacama, in Perù – se sarebbe almeno in teoria possibile coltivare i tuberi sul pianeta rosso. D’altronde, l’insalata sulla Stazione spaziale internazionale è già realtà. Perché non potrebbero diventarlo anche le chips su Marte?

71030311

Il deserto delle Pampas de La Joya in Perù

Cento varietà ai blocchi di partenza

La ricerca è frutto della collaborazione fra la Nasa e l’International Potato Center con quartier generale a Lima che hanno appunto messo in piedi, per così dire, dei prototipi di coltivazioni marziane per le patate nelle Pampas de La Joya, uno di posti più aridi del mondo. La prima fase consisterà nella selezione della o delle varietà più resistenti da un centinaio di partenza, a loro volta selezionate da 4.500 tipi. Circa quaranta sono originarie delle Ande mentre le altre sessanta sono state geneticamente modificate per resistere a diversi agenti patogeni oltre che per accontentarsi di poca acqua.

Dal campo alla serra pseudomarziana

Dal terreno peruviano si passerà in seguito a un modulo che mimerà in maniera più precisa le gelide condizioni marziane: temperatura media di -60°C con punte di -140°, radiazioni, gravità ridotta e tanta, troppa anidride carbonica rispetto alla quantità d’ossigeno, intorno al 5%. Da questa specie di scrematura dovranno uscire le varietà più resistenti e che, soprattutto, sono riuscite a riprodursi in modo soddisfacente. “I risultati concreti arriveranno tra un anno o due” ha spiegato Julio Valdivia Silva, astrobiologo peruviano della Nasa. Forse in tempo per la prossima missione dedicata a quel pianeta su cui parte della comunità scientifica ripone molte speranze.

the_martian_still_image_potatoes_

Una scena del film The Martian

Come Matt Damon in The Martian?

Tornando alle patate – alimenti ideali quanto a carboidrati, proteine, vitamine C e altri nutrienti ma anche per la capacità adattativa a climi diversi – se l’atmosfera si dimostra già proibitiva, il tentativo è capire se sarebbe possibile salvare almeno il terreno utilizzando delle serre. Un po’ come nel film The Martian con Matt Damon, uscito l’anno scorso. Oppure se, in alternativa, bisognerebbe per forza ricorrere a sistemi come le colture idroponiche. In ogni caso crescere cibo fresco in condizioni estreme appare sempre di più come uno dei prerequisiti per immaginare anche lontanamente di coinvolgere un giorno un gruppo di astronauti in missioni di questo genere, lunghe e durissime. Bisognerà infatti produrre autonomamente parte delle provviste.

curiosity-rover-self-portrait-aug-5-2015

Un “autoritratto” del rover Curiosity, su Marte dall’agosto 2012

Le prospettive

“Siamo alle prese con una grande sfida – ha spiegato Valdivia Silva – portare un organismo vivente in un altro luogo. Si tratta di qualcosa che non abbiamo mai fatto in passato”. L’esperimento è iniziato a gennaio e “siamo certi quasi al 100% che molte delle patate selezionate passeranno il test”, ha concluso l’astrobiologo. Per Walter Amoros del Centro internazionale per le patate questa percentuale potrebbe aggirarsi sul 50%. Attenzione, però: bisognerà valutare anche la qualità delle piante e dei tuberi.

Ti potrebbe interessare anche

Agricoltura spaziale, così le lenticchie crescono anche in microgravità

Sulla Stazione Spaziale Internazionale si studia come coltivare piante (per esempio, le lenticchie) in condizioni di microgravità. Per fornire cibo fresco agli astronauti. Ma anche per rivoluzionare l’agricoltura del futuro

AstroGro porta l’orto nello spazio, grazie alla stampa 3D

Una serra modulare stampata in 3D per la produzione di cibo in orbita, con un sistema d’irrigazione che ricicla l’acqua di scarico prodotta a bordo. Siamo di fronte a una rivoluzione per l’alimentazione degli astronauti?

Made in Italy spaziale/1. Lo chef (italiano) che prepara lasagne agli astronauti

Lasagne della tradizione, insalate di quinoa, zuppe di legumi: il cibo degli astronauti (sulla stazione ISS) è made in Italy e arriva da Torino. E a studiarlo è lo chef Stefano Polato. Ecco come lo prepara

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti