Noi laureati in Scienze dell’hamburger (è meglio che ad Harvard…)

L’Hamburger University Macdonald’s è tra i campus manageriali più esclusivi al mondo: solo uno studente su 100 viene ammesso. Ha aperto a Shangai, presto anche a Mosca. Cosa si studia? “Restaurant Manager experience”

L’Hamburger University di McDonald’s non è uno scherzo. Anzi, come riporta Bloomberg, i suoi campus sono più esclusivi di Harvard, con un tasso di successo alla selezione di un candidato su 100. Nel nuovo campus di Shangai, l’intenso programma di una settimana offre fino a 23 crediti per gli studenti americani.

fastfood_mcuniversity_2

Cinquantacinque anni di storia

L’Università di Mcdonald’s ha al momento 7 sedi in tutto il mondo: Oak Brooke nell’Illinois, Tokyo, Londra, Monaco di Baviera, Shangai, San Paolo e Sidney. Un nuovo campus sta per essere inaugurato a Mosca. Fondata nel 1961, la Hamburger University vanta ora più di 275.000 laureati e celebrerà il suo cinquantacinquesimo anniversario proprio quest’anno. Nel mondo ci sono più di 4000 Corporate university, ovvero Università strettamente legate a un’azienda o a un brand, che spesso finanzia la formazione in un preciso ambito. MacDonald’s è stato il primo brand di ristoranti ad averne creato una propria. Inaugurato cinquantacinque anni fa, il primo campus fu lanciato da Fred Turner, primo dipendente ufficiale nella storia della MacDonald’s e successivamente Ceo per vent’anni della compagnia di ristoranti più conosciuta al mondo.

Anno 1961: 14 studenti nell’Hamburger University

La prima classe, nel 1961, aveva 14 studenti. Oggi la Hamburger University raggiunge più di 200 studenti per anno e, solo nel 2016, ha organizzato più di 60 sessioni del famoso programma intensivo “Restaurant Manager experience”. Molti laureati sperano di poter frequentare una di queste sessioni, per poter puntare a far parte del management di MacDonald’s. Infatti, il 40% del top management MacDonald’s ha frequentato l’Hamburger University.

Angelica Fajardo, laureata in "hamburgerologia"

Angelica Fajardo, laureata in “hamburgerologia”

Un intenso programma di leadership

Nonostante il nome possa forse trarre in inganno, i ragazzi imparano qui i principi cardine della leadership, studiando marketing, vendite, business e finanza, con un’enfasi speciale sul servizio e sulla qualità, al fine di essere adeguatamente preparati per un ruolo manageriale nel settore della ristorazione. I metodi di insegnamento si sono evoluti nel tempo, passando dai classici filmati del 1961 a tecniche hands-on e maggiormente partecipative. Agli aspiranti manager viene anche chiesto di simulare la vita nel ristorante, dovendo gestire clienti difficili. Benché essere laureati in “Scienze degli hamburger” possa far quasi sorridere, l’Università di MacDonald’s si qualifica a buon titolo come una tra le più esclusive al mondo.

Ti potrebbe interessare anche

Dall’hamburger nero alla pizza con gli hot dog: quando i grandi brand giocano col cibo

Burger colorati, pizze deturpate, pietanze ridotte a sciocchi idoli del marketing, dalle catene di fast food in giù: ma le nostre nonne non ci avevano insegnato a non scherzare col mangiare?

Fast food, 8 gadget hi-tech che vorremmo sempre (anche in Italia)

Dal proiettore low-cost al secchiello di pollo fritto che stampa foto dello smartphone: rassegna di diavolerie da fast food sperimentate in giro per il mondo. Con cui ci piacerebbe avere a che fare

McDonald’s, in Giappone via al test per le patatine al cioccolato

McDonald’s si lancia, in Giappone, in un inedito accostamento delle sue famose patatine fritte, condite con cioccolato. E in Italia sta arrivando anche il Gluten Free Burger

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)