A Milano la pizza ormai parla egiziano: imprese straniere al sorpasso

Le pizzerie straniere a Milano hanno raggiunto i titolari italiani: ormai sono oltre 600 su 1300. In gran parte sono imprese di egiziani (poi vengono cinesi e turchi). E la pizza sta diventando sempre più etnica

E’ uno dei piatti simbolo della cucina italiana nel mondo, la pizza. E tuttavia a Milano la margherita o la napoletana sta diventando sempre più affare di stranieri. Ed è, anche, ormai sempre più etnica, soprattutto se in versione take away. Un fenomeno che viene fuori da dati, così come emerge da una elaborazione Camera di commercio di Milano.

cibo_pizza_1

Locali stranieri al sorpasso

In termini di numeri, a Milano le pizzerie straniere hanno infatti già raggiunto i titolari italiani delle imprese, e sono agguerrite e pronte al sorpasso. Considerando le quasi 1.300 imprese che nell’attività dichiarano di essere pizzerie, il 50% (oltre 600) è infatti in mano a stranieri. E si tratta soprattutto di egiziani, che pesano da soli per i due terzi degli stranieri (considerando solo le imprese individuali) e ben un quinto di tutte le pizzerie di Milano. Vengono poi gli imprenditori cinesi (equivalenti al 16% delle piccole imprese del settore, 4,5% di tutte le pizzerie) e quelli turchi (7,4% e 2,1%). La maggior parte dei pizzaioli egiziani è originaria di Assiut, capitale dell’omonimo governatorato a grande concentrazione coopta, ma c’è anche la pizzeria mista egiziano-peruviana.

La pizza è sempre più etnica

C’è poi l’aspetto culinario da considerare, con una pizza che diventa, grazie alla commisione di tradizioni e generi, sempore più etnica. A Milano si trova infatti la pizzeria-macelleria e quella che è anche osteria, la pizzeria che è specializzata anche in fagotti oppure è una salumeria. E non è affatto raro imbattersi in locali che offrono, accanto alla pizza, anche rosticceria e specialità dolci arabe. Oppure trovare, insieme alla pizza, chi offre sempre anche il tradizionale kebab o addirittura gli involtini primavera cinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Cibo a domicilio, cosa ordinano gli italiani (pizza, kebab e…)

La tradizione italiana al vertice col 43% degli ordini. Fra le pietanze più richieste kebab, involtini primavera e pizze. Roma, Pescara e Napoli le più tradizionaliste. Classifica del cibo a domicilio

Come funziona il forno a tufo per la pizza geotermica (creata a Napoli da un geologo…)

Il materiale mantiene condizioni climatiche che facilitano la lievitazione in 24-36 ore. E tutte le proprietà della pizza geotermica restano intatte

Dubai, ecco i 4 cibi d’oro (che solo pochi possono permettersi)

Mentre il mondo vive il momento d’oro dello streetfood, a Dubai si preparano pizze da 180.000 euro e si può mangiare il cupcake più costoso al mondo. Ecco il menu (preparatevi a un mutuo)

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione