A Milano la pizza ormai parla egiziano: imprese straniere al sorpasso

Le pizzerie straniere a Milano hanno raggiunto i titolari italiani: ormai sono oltre 600 su 1300. In gran parte sono imprese di egiziani (poi vengono cinesi e turchi). E la pizza sta diventando sempre più etnica

E’ uno dei piatti simbolo della cucina italiana nel mondo, la pizza. E tuttavia a Milano la margherita o la napoletana sta diventando sempre più affare di stranieri. Ed è, anche, ormai sempre più etnica, soprattutto se in versione take away. Un fenomeno che viene fuori da dati, così come emerge da una elaborazione Camera di commercio di Milano.

cibo_pizza_1

Locali stranieri al sorpasso

In termini di numeri, a Milano le pizzerie straniere hanno infatti già raggiunto i titolari italiani delle imprese, e sono agguerrite e pronte al sorpasso. Considerando le quasi 1.300 imprese che nell’attività dichiarano di essere pizzerie, il 50% (oltre 600) è infatti in mano a stranieri. E si tratta soprattutto di egiziani, che pesano da soli per i due terzi degli stranieri (considerando solo le imprese individuali) e ben un quinto di tutte le pizzerie di Milano. Vengono poi gli imprenditori cinesi (equivalenti al 16% delle piccole imprese del settore, 4,5% di tutte le pizzerie) e quelli turchi (7,4% e 2,1%). La maggior parte dei pizzaioli egiziani è originaria di Assiut, capitale dell’omonimo governatorato a grande concentrazione coopta, ma c’è anche la pizzeria mista egiziano-peruviana.

La pizza è sempre più etnica

C’è poi l’aspetto culinario da considerare, con una pizza che diventa, grazie alla commisione di tradizioni e generi, sempore più etnica. A Milano si trova infatti la pizzeria-macelleria e quella che è anche osteria, la pizzeria che è specializzata anche in fagotti oppure è una salumeria. E non è affatto raro imbattersi in locali che offrono, accanto alla pizza, anche rosticceria e specialità dolci arabe. Oppure trovare, insieme alla pizza, chi offre sempre anche il tradizionale kebab o addirittura gli involtini primavera cinesi.

Ti potrebbe interessare anche

Cibo a domicilio, cosa ordinano gli italiani (pizza, kebab e…)

La tradizione italiana al vertice col 43% degli ordini. Fra le pietanze più richieste kebab, involtini primavera e pizze. Roma, Pescara e Napoli le più tradizionaliste. Classifica del cibo a domicilio

Come funziona il forno a tufo per la pizza geotermica (creata a Napoli da un geologo…)

Il materiale mantiene condizioni climatiche che facilitano la lievitazione in 24-36 ore. E tutte le proprietà della pizza geotermica restano intatte

Dubai, ecco i 4 cibi d’oro (che solo pochi possono permettersi)

Mentre il mondo vive il momento d’oro dello streetfood, a Dubai si preparano pizze da 180.000 euro e si può mangiare il cupcake più costoso al mondo. Ecco il menu (preparatevi a un mutuo)

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi