Chiamata di Great! per Saporeato: su Eppela crowdfunding per 10K

Saporeato sbarca su Great! Laboratorio del Gusto: crowdfunding su Eppela da 10K. Obiettivo: creare la "Saporeato Selection". Dall'idea alla startup in soli due mesi

Saporeato conquista gli organizzatori di Great! Laboratorio del gusto. La startup di Simone Vacca dedicata al food box made in Italy è tra le realtà selezionate per la competizione tra le migliori startup innovative dedicate al cibo. L’iniziativa è nata dalla collaborazione con Eppela, prima piattaforma italiana di crowdfunding reward based, e lo chef Cristiano Tomei. L’obiettivo di Great! è quello di premiare, attraverso il voto e il finanziamento della Rete, progetti legati al mondo della cucina, siano essi oggetti di design, app, ricette innovative, prodotti editoriali, rivisitazioni di piatti tradizionali o eventi gastronomici.

Saporeato Simone Vacca e il team di Clhub

Contenitore trendy e riciclabile

Benché Saporeato sia nata da poco più di due mesi, è entrata nel progetto insieme con reBOX, il contenitore trendy e riciclabile per portare a casa il cibo avanzato dal ristorante, l’e-commerce Zaroo, che aiuta chi soffre di allergie e intolleranze alimentari a trovare gli alimenti giusti per la propria dieta, il laboratorio birricolo Federico II, che si propone di formare gli utenti per la degustazione e l’acquisto di birre artigianali, nonché insegnare loro a fare una buona birra genuina a casa propria.

crowdfunding_great

Il 50% del traguardo

Eppela cofinanzierà i progetti selezionati con il 50% del budget richiesto. Il finanziamento verrà erogato solo nel caso in cui un progetto raggiunga, tramite il crowdfunding, il 50% del traguardo stabilito. Simone Vacca, creatore del food box dedicato al cibo made in Italy da portare al pubblico internazionale, è certo di poter raggiungere l’obiettivo. “Quando ho saputo di esser stato selezionato per il progetto Great! mi sono sentito onorato: si tratta di un’iniziativa dedicata al mondo del food di alta qualità, che un grande testimonial…”. E la qualità, come abbiamo scoperto nell’intervista dedicata all’imprenditore sardo e al suo progetto, è un pallino che non abbandona mai i progetti di Vacca.

Appena 2 mesi dall’idea alla società

Saporeato è riuscito in meno di due mesi a passare dall’idea alla costituzione societaria, grazie a un investimento del valore di 20 mila euro e ai servizi offerti da Clhub, nuovo incubatore e acceleratore di impresa. La costituzione ufficiale della società di Vacca è avvenuta il 29 gennaio 2016. Il passo è stato breve proprio grazie alle energie e ai riscontri giunti soprattutto da oltreoceano, su un progetto che coniuga altissima qualità nei prodotti commercializzati, attenzione al design e studio del mercato di riferimento.

La scatola Saporeato

La scatola Saporeato

Gadget brandizzati

Chi finanzierà Saporeato su Eppela potrà accedere a diversi gradi di “ricompense“: si parte dal semplice ringraziamento sui profili social dell’azienda per chi vorrà contribuire, fino all’abbonamento annuale alle scatole Saporeato, a cui verranno aggiunti una serie di gadget brandizzati legati all’iniziativa. Da oggi fino al 10 maggio sarà possibile sostenere Saporeato tramite la campagna crowdfunding su Eppela: le risorse raccolte saranno destinate a rendere riconoscibili i prodotti all’interno del food box, con lo studio e la realizzazione di un nuovo packaging a marchio “Saporeato Selection”. “Vogliamo accorciare i tempi di produzione in modo da rendere più semplice l’esportazione delle nostre eccellenze all’estero”, si legge sulla pagina dedicata al fundraising. “Per semplificare questo processo abbiamo bisogno di dare a questi prodotti una nuova veste, che vada bene sia in Italia che a l’estero, così da semplificare l’esportazione di questi piccoli tesori che altrimenti difficilmente riuscirebbero a uscire dall’Italia”.