No glutine, no Ogm, no coloranti: è il boom del cibo green e free

La vendita di alimenti “senza” qualcosa sta segnando aumenti a due cifre. Dall’Ogm ai pesticidi (+20%), dal glutine (+50%) ai conservanti, biologico e naturale attirano sempre di più i consumi. Ecco quanto

E tutta una corsa al free, al green, al bio e al “no”. No Ogm, no coloranti, no pesticidi, no cionservanti. e mica è roba da poco: si va dall’aumento del 50% degli acquisti di alimenti senza glutine al +20% di quelli biologici senza l’uso della chimica fino al boom dei prodotti garantiti Ogm free. Una vera e propria crescita a due cifre in Italia nel 2015 che riguarda i consumi di cibi “senza”, stando a un’analisi della Coldiretti che indica questo come il segmento più dinamico della tavola dove i consumi sono stati praticamente stagnanti nell’ultimo anno.

cibo_bio

No Ogm, l’agricoltura più green d’Europa

A sostenere i consumi è il fatto che l’agricoltura italiana è diventata la più green d’Europa con il maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario per prodotti a denominazione di origine Dop e Igp che salvaguardano tradizione e biodiversità, la leadership nel numero di imprese che coltivano biologico, la più vasta rete di aziende agricole e mercati di vendita a chilometro zero che non devono percorrere lunghe distanza con mezzi di trasporto inquinanti, ma anche la minor incidenza di prodotti agroalimentari con residui chimici fuori norma e la decisione di non coltivare  Ogm (organismi geneticamente modificati) come avviene in 23 Paesi sui 28 dell’Unione Europea.

Il boom dei produttori bio

In Italia c’è anche il maggior numero di agricoltori biologici a livello europeo secondo un’analisi Coldiretti su dati Sinab: il nostro Paese conta 49.070 imprese biologiche, in aumento del 12% rispetto all’anno precedente, con la superficie coltivata superiore al milione di ettari. Le aziende bio italiane, avverte Coldiretti, sono il 17% di quelle europee, al secondo posto la Spagna (30.462 imprese, 12% dell’Ue) e la Polonia (25.944, 10% di quelle europee).

cibo_verdura

Il 70% degli italiani pronto a pagare di più

Ma naturalmente molta parte, in questa impennata di consumi, ce l’hanno l’attenzione per il benessere, la forma fisica e la salute, oltre che la crescente diffusione di intolleranze alimentari. Una tendenza in forte ascesa nonostante il sovraprezzo da pagare, visto che il 70% degli italiani è disposto a pagare di più un alimento del tutto naturale, il 65% per uno che garantisce l’assenza di Ogm, il 62% per un prodotto bio e il 60% per uno senza coloranti, secondo l’ultimo rapporto Coop. Gli acquisti di prodotti biologici confezionati fanno registrare un incremento record del 20% con più di un italiano su 3 che dichiara di acquistare cibo bio o natural. E sono 15 milioni le persone che mettono nel carrello prodotti locali a chilometro zero, mentre ad acquistare regolarmente prodotti tipici legati sono ben 2 italiani su tre, secondo l’indagine Doxa per Coop.

Ti potrebbe interessare anche

Biodinamica, il futuro dell’agricoltura che non spreca acqua e risorse

L’agricoltura biodinamica evita lo spreco di terra e di acqua e si pone come futuro del settore primario. I vantaggi? Economici, ambientali e un impatto positivo sulla salute

Il biologico ora ha un Piano strategico. E già si studia un Bio made in Italy

Varati 10 punti per la crescita del biologico, che oggi fattura 4 miliardi (con 55mila operatori). Dai controlli alle certificazioni, alla semplificazione normativa. Fino a un possibile segno distintivo del Bio made in Italy

Più olio, più frutta, più bio: nel carrello torna la dieta mediterranea

Svolta green nel carrello della spesa degli italiani: dopo gli anni della crisi, torna la dieta mediterranea: in aumento olio, frutta e verdura, attenzione al bio e al km zero. Che fa ben sperare per il 2016

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti