Liberty Food, la piattaforma web che valorizza i prodotti local

Liberty Food rilancia un nuovo modo di concepire l’e-commerce food: un network che annulla le distanze e valorizza i prodotti tipici locali. La possibilità di acquistare on line prodotti assaggiati nei ristoranti

Prodotti genuini, dall’enogastronomia locale a una piattaforma internet che ne permette l’acquisto da parte di chiunque. Ecco l’ambizioso progetto di Liberty food, che mira a valorizzare le tradizioni culinarie locali e i prodotti genuini. “Vogliamo valorizzare i cibi genuini,  prodotti di qualità, provenienti dalle piccole e medie aziende artigianali dell’enogastronomia italiana, in totale contrapposizione rispetto ai siti che ti indicano il ristorante meglio “recensito” o più “economico”, spiega Michele Cauteruccio, fondatore del progetto. Liberty Food è il primo portale che seleziona i migliori produttori nazionali e propone i loro prodotti in vendita sul sito, indicando i ristoranti in Italia che li utilizzano. Il nome non è casuale, come spiegano i componenti del team: alla base c’è la volontà di rivoluzionare il settore dell’e-ecommerce food, così come lo stile liberty rivoluzionò l’arte a inizio 900. “In questa maniera i nostri utenti potranno scegliere dove andare a mangiare fuori, sapendo che quel ristorante è attento alle materie prime che utilizza nei propri menù. La riteniamo una cosa importante”, spiega Cauteruccio.

libertyfood_2

Liberty food e turismo enogastronomico

Liberty Food si propone come veicolo di promozione per il turismo enogastronomico locale e la valorizzazione di percorsi di gusto, da scoprire e rivisitare poi sulla piattaforma web. Grazie al network creato dalla startup, tutte le volte che si ha l’occasione di assaggiare una data specialità in un luogo che si trova lontano da dove abitiamo, possiamo poi ritrovarla sul portale e sapere in quali ristoranti poterla gustare. Non qualcosa di simile, ma lo stesso prodotto dello stesso produttore. “Un formaggio, un vino, qualsiasi prodotto di un piccolo produttore locale, che non ritroveremo al supermercato dove andiamo a fare la spesa, potrà finalmente essere acquistato su un sito”, spiega Cauteruccio.

Informare prima di vendere

Grazie a una pluriennale esperienza nel settore della ristorazione, Cauteruccio ha puntato sulla qualità della customer experience, slegando dalle vendite  gli obiettivi principali di Libery Food e puntando su un’informazione chiara e completa. “Pensiamo che per acquistare serenamente online un prodotto alimentare, oltre al descriverlo al meglio, sia utile far conoscere chi lo produce o lo trasforma ed è per questo che dedichiamo molte pagine del nostro sito anche a loro. Vogliamo chiudere il cerchio e dare la possibilità di far acquistare on-line prodotti assaggiati nei ristoranti e di far ritrovare nei ristoranti quei prodotti acquistati on-line. Tutto questo è possibile grazie alla tecnologia. Il buon cibo per tutti, questo è il nostro obiettivo”, spiega Cauteruccio.

libertyfood_3

Partner scelti con cura

Uno degli obiettivi primari della startup è riuscire a potenziare il proprio network, puntando però a partnership che possano garantire un’alta qualità al pubblico. “Tra le partnership più recenti abbiamo Baladin, il birrificio di Lambrate, l’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo e la Banca del vino.  Saremo anche presenti al Feed and Chips di Milano a maggio, ci farebbe piacere poter incontrare eventuali partner interessati al nostro progetto”, continua Cauteruccio.

Più condividi, più punti raccogli

Libery Food ha lanciato un’originale raccolta punti: gli utenti registrati, condividendo i contenuti del sito sui social, possono raccogliere punti ed effettuare poi degli acquisti grazie ai crediti virtuali maturati. Ma questa non è l’unica innovazione tecnologica proposta dall’azienda. I clienti hanno a disposizione anche un personal food shopper, disponibile per una chiamata skype, che grazie a un attento ascolto delle preferenze dell’utenza, cercherà di rendere ottimale l’esperienza di acquisto.

Ti potrebbe interessare anche

Food & turismo, ancora poche le startup che puntano su entrambi

Un report fa il punto sui due settori. Che in Italia vedono tante startup in prima linea sul food da una parte e sul turismo dall’altra. Ma quelle capaci di coniugare entrambe le cose sono troppo poche…

Appetising, l’app che guiderà i turisti verso le specialità regionali

Con la geolocalizzazione di Appetising i turisti potranno trovare i prodotti enogastronomici tipici della zona. A breve campagna crowdfunding su Eppela

Appetitoso: tu cerchi il piatto, l’app trova il (miglior) ristorante

L’idea della app è venuta a quattro giovani toscani, che hanno creato una startup. Funziona a Milano, Firenze e Roma. Ma vogliono portare la loro Appetitoso in tutta Italia

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti