“Birra, insalata, fegato in tutte le salse. E sì, gli insetti li assaggerei…”

Al Questionario di Food risponde Matteo Sarzana, 35 anni, general manager Deliveroo. “Cosa serve alle startup italiane per crescere di più? Fare sistema. Ora siamo battitori liberi”

Matteo Sarzana, 35 anni, nato a Lodi, sposato, general manager di Deliveroo.

1.

Che cosa mangia a pranzo, nell’orario di lavoro?
Qualche cosa di leggero: una pasta o un’insalata (adoro le insalate quasi quanto una capra).

Matteo Sarzana

Matteo Sarzana

2.

Che cosa mangia invece a cena?
A cena vario molto, pesce, carne, formaggi, comunque tanta verdura.

3.

Vino o birra?
Se sono costretto a scegliere: birra.

4.

Piatto preferito in assoluto?
Il fegato in qualsiasi forma.

5.

In quale percentuale, più o meno, mangia cibo importato dall’estero?
Molto bassa, direi meno del 10%.

6.

La convince una dieta vegana?
No, sono onnivoro e curioso, non mi priverei mai del piacere di gustare qualche piatto “esotico”.

7.

In percentuale: quanto è attento alla salute quando è a tavola?
Molto. Frutta e verdura le prendiamo da Cortilia, il pesce controlliamo che sia pescato e non allevato e la carne da produttori che conosciamo e garantiscono la filiera.

8.

Tecnologia del food: quale usa nel privato?
Deliveroo e Cortilia.

9.

In quale altro settore del food (oltre il suo) le piacerebbe operare?
Nel foodtech, per ottimizzare le colture esistenti.

10.

Ogm, cosa ne pensa: sì o no?
Sospendo il giudizio, se posso evito.

11.

Prima o poi arriveranno sugli scaffali. Mangerebbe insetti?
Li proverei sicuramente, si vive una volta sola, vale la pena provare qualsiasi sapore.

12.

Secondo lei, quali sono i settori più promettenti per una startup del food?
Il delivery, l’on-demand e guardando più avanti la stampa del cibo.

13.

Il food è strategico per l’Italia. Che cosa manca ancora per spingere il settore?
Fare sistema. Abbiamo tantissime eccellenze ma ognuno gioca da battitore libero.

14.

Effetto Ratatouille: cosa rimpiange del cibo che mangiava da bambino?
La stagionalità.

15.

Suo figlio piange a dirotto perché vuole una merendina confezionata: quanto tempo resiste prima di cedere?
Settimane 🙂

16.

La cosa più buona mai mangiata.
Il coniglio cucinato dalla nonna di mia moglie.

17.

La cosa più cattiva mai mangiata.
Un muffin alla fragola in America. Sapeva di chimica.

18.

Se fosse chef, quale piatto sarebbe il suo cavallo di battaglia?
L’uovo al burro con formaggio, prosciutto e tartufo.

19.

Qual è l’innovazione che sta rivoluzionando il food più delle altre?
L’accesso a tecnologie sempre più economiche e, quindi, più pervasive.

20.

Ha il potere assoluto per un giorno: cosa farebbe per sconfiggere la fame nel mondo?
Renderei obbligatoria l’installazione di depuratori di acqua in ogni città e villaggio, ne esistono già versioni a basso costo, ma ancora poco diffuse.

Ti potrebbe interessare anche

Food delivery all’italiana: mappa di un settore che muove 400 milioni

Da Moovenda a Foodracers, Deliveroo, Foodinho, Foodora. E molti altri. Perché i pony express della gastronomia sono in continuo aumento, da nord a sud. Ecco la mappa (italiana) del food delivery

“Così stiamo rivoluzionando il rapporto con il cibo”. Startup e protagonisti da TAG

Food delivery, marketplace, innovazione, qualità, booking online. Come sta cambiando il rapporto degli italiani con il cibo? Le startup ne parlano a TAG. Con Deliveroo e Foodscovery a confronto

Foodtech, l’anno da record delle startup (e le italiane crescono)

Il 2015 è stato un anno record per le startup foodtech. Le cifre del mercato italiano sono lontane dalle vette mondiali. Ma crescono investimenti e operazioni. Eccole (anche in un’infografica) , guardando al futuro

Le finaliste di .itCup2017: Ludwig e i segreti della lingua inglese a portata di click

La piattaforma corregge le frasi scritte dall’utente confrontandole con fonti dall’elevata attendibilità. Oltre 40mila accessi al giorno da 200 Paesi diversi. E presto uscirà la versione Premium