Il Frappuccino sfida Re Espresso: Starbucks sbarca in Italia

La celebre catena Usa di Seattle, dopo molte esitazioni, ha deciso di aprire un punto vendita in centro a Milano, dal prossimo anno. Ma poi arriveranno forse anche Verona e Venezia…

Alla fine, dopo molte esitazioni, è arrivata la decisione: Starbucks arriverà anche in Italia. Il primo locale della catena statunitense (che è stata fondata nel 1971 a Seattle) aprirà l’anno prossimo a Milano, grazie a una partnership con Antonio Percassi, presidente della holding Odissea e della squadra di calcio dell’Atalanta.

starbucks_logo

Vera sfida nel regno dell’espresso

L’apertura in Italia, annunciata e più volte poi rinviata, rappresenta una vera e propria sfida per la multinazionale a un mercato dove il culto del caffè espresso le ha finora inibito l’ingresso. D’altronde sono 6 miliardi, secondo le stime della Fipe, i caffè consumati nei bar italiani in un anno per un giro d’affari pari a 6,6 miliardi di euro. Il 41% degli italiani adulti prende un espresso al banco almeno una volta alla settimana.

Prima Milano, poi forse Verona e Venezia

Dunque sarà Milano, con apertura in pieno centro prevista per gli inizi del 2017, a fare da apripista. Ma presto Starbucks (quasi 24.000 punti vendita sparsi in 70 paesi del mondo, dei quali 2400 in Europa, Medio Oriente e Africa) potrebbe espandersi anche a Verona e Venezia.  “La storia di Starbucks è intimamente legata alla maniera in cui gli italiani realizzano un espresso perfetto. Tutto ciò che abbiamo finora realizzato si basa su questa straordinaria esperienza”, ha detto il presidente e ceo di Starbucks, Howard Schultz, ricordando di avere sviluppato la passione proprio in un viaggio d’affari di 33 anni fa in Italia, che “cambiò la sua vita per sempre”. Dunque, “abbiamo sempre avuto cura di rispettare quest’eredità da 45 anni” e “oggi è con una grande umiltà e un profondo rispetto che ci accingiamo a provare di condividere quel che abbiamo imparato”.

Quel Frappuccino tanto amato da Hollywood

Starbucks è uno dei marchi più citati da Hollywood. La catena Usa ha fatto infatti del suo particolare cappuccino, o meglio del Frappuccino, una sorta di status symbol. Tra le immagini più ricorrenti, quelle di personaggi newyorchesi che corrono per Manhattan con una bevanda di Starbucks. In uno Starbucks, invece, la libraia Kathleen Kelly, Meg Ryan, di “C’è’ posta per te” si innamorerà di quella che a tutti gli effetti rappresenta la sua anima gemella, Joe Fox, interpretato da Tom Hanks. In “Il Diavolo Veste Prada” tocca ad Andrea Sachs (Ann Hataway), neo-laureata in cerca di lavoro appena arrivata a New York per realizzare il suo sogno: diventare una giornalista. Finirà per essere assunta dalla rivista di moda Runway, come seconda assistente della direttrice Miranda Priestly, che non concederà alla stagista nemmeno un minuto per mangiare, ancor meno per un caffè. In “Sex and the City”, Carrie Bradshow (Sarah Jessica Parker) assume la sua nuova stagista per riprendere in mano le fila della sua vita dopo essere stata piantata all’altare da Mr. Big. La celebre catena fa da sfondo inoltre alle avventure Tom Bailey, playboy di “Un amore di testimone” interpretato da Patrick Dempsey e alle stranezze di Greg Fotter – Ben Stiller – in “Ti presento i miei”. Non rinunciano al Frappuccino nemmeno agenti dell’Fbi come Sandra Bullock, in “Miss Detective”, e duri come Brad Pitt e Edward Norton in “Fight Club”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

100 Montaditos, il casual food spagnolo punta all’espansione

Con il casual food ha trasformato un sapore tradizionale spagnolo in esperienza globale. Ha già 20 ristoranti aperti in Italia. Ma ora 100 Montaditos, con i suoi panini, punta all’espansione

Ora Amazon a Milano consegna (in un’ora) anche frutta e verdura

Con l’app Prime Now Amazon d’ora in avanti offre ai clienti di Milano (e 34 comuni dell’hinterland) la consegna a domicilio di frutta e verdura fresche

Saporeato, quel food box made in Italy che piace tanto agli americani

Si scrive Saporeato, ma si legge “saporito”. È la startup di Simone Vacca dedicata a food box made in Italy. I prodotti? Tutte eccellenze gastronomiche di fascia alta, molto gradite in Usa

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era