Food innovation, il Cnr diventa advisor scientifico di Seeds&Chips

Il Salone internazionale è dedicato alla Food innovation e aggrega il mondo della ricerca alle startup del food e del tech. Gualtieri: “Una grande soddisfazione, il prestigio del Cnr rafforza i contenuti della manifestazione”

Il Cnr diventa advisor scientifico di Seeds&Chips, il primo Salone internazionale dedicato alla Food Innovation, che dall’11 al 14 maggio aggrega startup aziende del food, del tech, il mondo della ricerca, istituzioni, investitori, policy maker da tutto il mondo. “Una grande soddisfazione” per Marco Gualtieri, presidente e ideatore di Seeds&Chips: “Il prestigio, le competenze e l’autorevolezza del Cnr non possono che contribuire a rafforzare i contenuti della nostra manifestazione che è nata grazie ad Expo Milano 2015 e che ha l’obiettivo di portarne avanti i temi e soprattutto le soluzioni per affrontare le grandi sfide che Expo ci ha fatto conoscere. Crediamo ci sia una enorme opportunità per l’Italia di presidiare questo settore che è appena agli inizi, ma diventerà molto grande.”

Il salone  Seeds&Chips

Il salone Seeds&Chips

“Proseguiamo il lavoro sulla ricerca”

“Con tale ruolo, e dopo Expo2015, intendiamo proseguire il grande lavoro svolto per la promozione dell’eccellenza della ricerca del Cnr su questi temi, portandolo all’attenzione del grande pubblico da una parte ed al servizio dei giovani e delle imprese dall’altra”, ha detto Francesco Loreto, direttore del Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del Cnr. “I valori dell’evento coincidono con la missione del Cnr di contribuire al progresso delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, utili per lo sviluppo e la valorizzazione di un sistema agroalimentare sostenibile e innovativo e di promuovere programmi di ricerca e innovazione”.

Obiettivo: soluzioni sui temi della nutrizione

L’obiettivo, dopo la straordinaria opportunità che è stata Expo Milano 2015, è quello di continuare a stimolare il dibattito mondiale e presentare le soluzioni sui temi della nutrizione del pianeta e della sostenibilità, in cui l’Italia può e deve ricoprire il ruolo di superpotenza per autorevolezza, credibilità e vocazione, a partire dalle ultime tecnologie e dall’impatto che esse hanno sulla risoluzione di molte delle sfide del pianeta sulla fame nel mondo, la scarsità delle risorse e la sostenibilità dei processi attualmente esistenti.

ricerca_laboratorio_1

Dall’IoT alle stampanti 3D e alla nutraceutica

Nello specifico, si tratta: Internet of Things applicato al cibo; agricoltura di precisione; Controlled Environment Agricolture (Cea), che riguarda tecniche di produzione senza utilizzo del suolo, Idroponica, Aeroponica e Acquaponica; Stampanti 3D; Nuovi cibi, super cibi e nutraceutica; tracciabilità e riconoscibilità; Smart Packaging; Precision nutrition e precision cooking; Smart kitchen; Sharing economy; E-commerce; droni in agricoltura; supermercato del futuro; blue economy sostenibile; economia circolare e lotta agli sprechi; funzionalità degli alimenti. Temi e tendenze che riguardano l’intero sistema del Food e che pertanto coinvolgono non soltanto il settore agroalimentare, ma anche il settore aerospaziale, della meccanica, del design, dei materiali innovativi, della green economy, della blue economy e dell’economia circolare.

Seeds&Chips e la più grande struttura di ricerca

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) è la più grande struttura pubblica di ricerca in Italia. Fondata nel 1923, ha operato in passato come consulente di Governo in materia di ricerca e come fondo di finanziamento per i grants della ricerca universitaria. Dal 1989 il Cnr è un Ente di ricerca, con la missione di realizzare progetti di ricerca, promuovere l’innovazione e la competitività del sistema industriale nazionale, l’internazionalizzazione del sistema di ricerca nazionale, e di fornire tecnologie e soluzioni ai bisogni emergenti nel settore pubblico e privato. Obiettivi che vengono raggiunti attraverso un patrimonio di risorse umane che conta oltre 8000 dipendenti, la metà dei quali è rappresentata da ricercatori e tecnologi. Circa 4000 sono i giovani ricercatori impegnati in attività di ricerca post-dottorato presso i laboratori dell’Ente, mentre un contributo importante arriva dalle collaborazioni, anche internazionali, con i ricercatori delle Università e delle imprese, rafforzando così il sistema nazionale della ricerca. Seeds&Chips è il primo salone internazionale dedicato alle aziende e alle startup digitali che stanno innovando nella filiera agroalimentare. Quattro giorni di esposizione e conferenze. La prima edizione si è tenuta a Milano a marzo 2015. Prossimo appuntamento dal 11 al 14 maggio 2016, presso Mi.Co. Milano Congressi.

Ti potrebbe interessare anche

Perché la food innovation è un processo necessario e inarrestabile

La food innovation? E’ un settore strategico e dalle grandi potenzialità. E l’Italia, dopo Expo, ha la grande opportunità di diventare una superpotenza del settore. Dalla sharing economy all’e-commerce, dalle stampanti 3D all’IoT: ecco come fare per coglierla

Human Technopole, Renzi: “E’ petaloso”. Ecco l’hub della ricerca (tra food e salute) erede di Expo

Oltre 30.000 mq di laboratori, centinaia di scienziati al lavoro tra genetica, food e nanotecnologie: Human Technopole Italia 2040 è l’eredità scientifica di Expo. Renzi: “Tre mesi fa era un sogno, tra un mese sarà un cantiere”

Ciao Expo, ora diventiamo il centro del mondo per chi innova nel food

Finita Expo, puntando tutto sulla Food Valley possiamo giocare un ruolo da leader in quella che è considerata una delle sfide più importanti per l’umanità. Ecco perché

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»