Webeers: la birra artigianale italiana si compra anche online

Nasce Webeers, il primo e-commerce di birra artigianale italiana: per i clienti sconti esclusivi, consegne veloci, abbonamenti. E un portale interamente dedicato a prodotti d’eccellenza

Mai come negli ultimi tempi gli italiani sembrano essersi appassionati alla birra. E, dato ancor più importante, i mercati stranieri alzano volentieri al cielo un buon boccale di bionda italiana, soprattutto artigianale. I numeri che Coldiretti ha presentato durante la Festa della Birra organizzata a Expo parlano chiaro: l’export nostrano è cresciuto velocemente, in un solo anno, conquistando anche mercati resistenti come quelli nordici. Germania, Svezia, Gran Bretagna: i nostri microbirrifici si sono guadagnati un posto d’onore. E, fortunatamente, sono profeti in patria: il mercato della birra artigianale in Italia è infatti in forte crescita: secondo una ricerca AssoBirra, il 72% dei nostri connazionali beve birra e circa il 60% la consuma a casa, dove è presente in metà dei frigoriferi italiani (49% seconda solo, per fortuna, all’acqua).

webeers

Una startup per i birrifici

Logico dunque, ma non scontato, cercare un mezzo per incrementare ulteriormente le cifre già eccellenti. Nasce da qui l’idea di due fratelli, Alberto e Gianmarco Gizzi, che, con il supporto di Digital Magics, hanno lanciato WeBeers, una startup innovativa che, attraverso l‘e-commerce, permette a clienti di tutto il mondo di scoprire e ordinare le eccellenze prodotte nel nostro Paese dai birrifici artigianali più e meno noti (se ne contano ormai quasi 700, divisi in modo eterogeneo lungo tutto lo stivale).

expo birra

Sul portale sconti esclusivi

Ma quali saranno i vantaggi per i clienti del portale? Sconti esclusivi, consegne rapide (si parla di 48 ore) grazie a un packaging appositamente ideato per garantire anche la massima sicurezza delle preziose bottiglie e, sopratutto, un bagaglio inestimabile di consigli, trucchi per riconoscere le birre migliori e informazioni su questo complesso settore. Come si gusta una birra, a cosa si accompagna, chi sono i mastri birrai e cosa cercano nei loro prodotti. Sarà inoltre possibile disporre di pacchetti in abbonamento per ricevere periodicamente una selezione speciale di birre artigianali a prezzi vantaggiosi e spedizione gratuita. La prima iniziativa studiata per gli abbonamenti è, per esempio, “Birre da Serie A”, un box di birre scelte per i lettori de La Gazzetta dello Sport. “Con Weebers abbiamo messo a frutto l’esperienza maturata con un nostro precedente portale di e-commerce” – hanno affermato i due giovani fondatori – “puntiamo a diventare il punto di riferimento sia per gli amanti di vecchia data della birra artigianale che per coloro che si affacciano per la prima volta a questo settore. Ormai 7 italiani su 10 bevono abitualmente e, così come è successo già per altri settori, cresce l’interesse e l’attenzione per la genuinità degli ingredienti, la qualità del prodotto, la tradizionalità della lavorazione. E se ne sono accorti anche i mercati stranieri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Birra, quando l’artigianale fa boom. Tutti i numeri di un settore in… fermento

Cresce il consumo nel nostro Paese, di pari passo con l’esplosione dei microbirrifici. Ma anche all’estero riconoscono la bontà delle nostre spine

Dal Fablab alla “cotta” ufficiale: ora Birra Open Sorso si lancia sul mercato

Roma Makers e Agrilab insieme per la distribuzione della bionda artigianale dei fabber di Garbatella. Così Open Sorso (presentata anche alla Maker Faire Rome) segna un’altra tappa. Come nasce (in foto) la birra dei makers

Olio, pasta, birra: i trend (di quest’anno) per la ripresa

L’agroalimentare italiano scopre nella tradizione i settori più promettenti del 2016. Olio, riso e pasta si adattano ai consumatori. Tra i nuovi arrivati, la birra artigianale. Sempre nel nome della qualità

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era