Webeers: la birra artigianale italiana si compra anche online

Nasce Webeers, il primo e-commerce di birra artigianale italiana: per i clienti sconti esclusivi, consegne veloci, abbonamenti. E un portale interamente dedicato a prodotti d’eccellenza

Mai come negli ultimi tempi gli italiani sembrano essersi appassionati alla birra. E, dato ancor più importante, i mercati stranieri alzano volentieri al cielo un buon boccale di bionda italiana, soprattutto artigianale. I numeri che Coldiretti ha presentato durante la Festa della Birra organizzata a Expo parlano chiaro: l’export nostrano è cresciuto velocemente, in un solo anno, conquistando anche mercati resistenti come quelli nordici. Germania, Svezia, Gran Bretagna: i nostri microbirrifici si sono guadagnati un posto d’onore. E, fortunatamente, sono profeti in patria: il mercato della birra artigianale in Italia è infatti in forte crescita: secondo una ricerca AssoBirra, il 72% dei nostri connazionali beve birra e circa il 60% la consuma a casa, dove è presente in metà dei frigoriferi italiani (49% seconda solo, per fortuna, all’acqua).

webeers

Una startup per i birrifici

Logico dunque, ma non scontato, cercare un mezzo per incrementare ulteriormente le cifre già eccellenti. Nasce da qui l’idea di due fratelli, Alberto e Gianmarco Gizzi, che, con il supporto di Digital Magics, hanno lanciato WeBeers, una startup innovativa che, attraverso l‘e-commerce, permette a clienti di tutto il mondo di scoprire e ordinare le eccellenze prodotte nel nostro Paese dai birrifici artigianali più e meno noti (se ne contano ormai quasi 700, divisi in modo eterogeneo lungo tutto lo stivale).

expo birra

Sul portale sconti esclusivi

Ma quali saranno i vantaggi per i clienti del portale? Sconti esclusivi, consegne rapide (si parla di 48 ore) grazie a un packaging appositamente ideato per garantire anche la massima sicurezza delle preziose bottiglie e, sopratutto, un bagaglio inestimabile di consigli, trucchi per riconoscere le birre migliori e informazioni su questo complesso settore. Come si gusta una birra, a cosa si accompagna, chi sono i mastri birrai e cosa cercano nei loro prodotti. Sarà inoltre possibile disporre di pacchetti in abbonamento per ricevere periodicamente una selezione speciale di birre artigianali a prezzi vantaggiosi e spedizione gratuita. La prima iniziativa studiata per gli abbonamenti è, per esempio, “Birre da Serie A”, un box di birre scelte per i lettori de La Gazzetta dello Sport. “Con Weebers abbiamo messo a frutto l’esperienza maturata con un nostro precedente portale di e-commerce” – hanno affermato i due giovani fondatori – “puntiamo a diventare il punto di riferimento sia per gli amanti di vecchia data della birra artigianale che per coloro che si affacciano per la prima volta a questo settore. Ormai 7 italiani su 10 bevono abitualmente e, così come è successo già per altri settori, cresce l’interesse e l’attenzione per la genuinità degli ingredienti, la qualità del prodotto, la tradizionalità della lavorazione. E se ne sono accorti anche i mercati stranieri”.

Ti potrebbe interessare anche

Birra, quando l’artigianale fa boom. Tutti i numeri di un settore in… fermento

Cresce il consumo nel nostro Paese, di pari passo con l’esplosione dei microbirrifici. Ma anche all’estero riconoscono la bontà delle nostre spine

Dal Fablab alla “cotta” ufficiale: ora Birra Open Sorso si lancia sul mercato

Roma Makers e Agrilab insieme per la distribuzione della bionda artigianale dei fabber di Garbatella. Così Open Sorso (presentata anche alla Maker Faire Rome) segna un’altra tappa. Come nasce (in foto) la birra dei makers

Olio, pasta, birra: i trend (di quest’anno) per la ripresa

L’agroalimentare italiano scopre nella tradizione i settori più promettenti del 2016. Olio, riso e pasta si adattano ai consumatori. Tra i nuovi arrivati, la birra artigianale. Sempre nel nome della qualità

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5