Tra cibo e turismo, Foody: quando sei in viaggio mangia local

A H-Farm di Roncade bolle una startup che vuole mettere visitatori e aspiranti cuochi intorno alla stessa tavola. Ecco come funziona e quali sono i concorrenti del social eating in salsa turistica

C’è una tendenza sempre più accentuata nelle startup italiane – e non solo, basti pensare a Bon Appetour, da poco sbarcato anche in Italia, Newgusto, VizEat With Locals – che in vario modo si occupano di cibo. Quella verso il turismo. Non solo Gnammo ha lanciato da poco Special dinner, cioè la possibilità di partecipare a un pasto in un luogo particolare, esclusivo e contraddistinto da una specificità culturale, storica o paesaggistica, ma in quel gran pentolone che è l’incubatore H-Farm di Roncade, in provincia di Treviso, bolle un altro esperimento simile. Dovrebbe vedere la luce a breve.

foody-logo-mod-v2-black

Come funziona

Si chiama Foody, è ancora in fase di accelerazione (ma gli aspiranti cuochi possono già iscriversi) e sarà una piattaforma per far vivere al viaggiatore l’esperienza di gustare i piatti delle tradizioni locali a casa delle persone, cioè dei cooker. Il principio è più o meno quello di Gnammo – aprire la porta alla socialità a tavola – ma il taglio è completamente turistico. Il target, cioè, è rappresentato da chi è in giro per diletto o per affari, più in linea con Bon Appetour, e non dalla community locale. Non è un caso che lo slogan sia Eat local with local. Con una piccola-grande differenza: che il fooder – così si chiamerà il turista-commensale – potrà non solo partecipare passivamente ma anche sporcarsi le mani. E preparare con i proprietari ciò che finirà in tavola.

Schermata 2016-01-15 alle 16.20.56

Insomma, il turismo enogastronomico che incrocia la sharing economy. Per spendere meno, sfuggire alle dinamiche tradizionali – non sempre soddisfacenti – e tentare di cavalcare quest’inedita ansia da compagnia. Lo abbiamo visto diverse volte, molti studi confermano che l’appetito vien viaggiando: i visitatori non si accontentano più dei tradizionali pacchetti turistici. Vogliono vivere esperienze uniche e autentiche, specialmente intorno al grande luna park della gastronomia. Specialmente in un Paese come l’Italia.

I turisti vogliono esperienze uniche che ruotino intorno al grande luna park della gastronomia

foody-team

Il team

Il team di Foody è composto da quattro ragazzi tenaci, con quattro storie diverse e background altrettanto differenti: Elena Bisio, Ceo e cofondatrice, laureata in giurisprudenza, Michele Arleo, il Cto che si occupa della parte grafica, Chiara Ricci, brand e social media specialist, con un background di product and food design, e Ilaria Tornati, marketing specialist, laureata in marketing e comunicazione appena rientrata in Italia da un lungo periodo all’estero. A loro si aggiungono altri collaboratori.

831AD63E-4859-49ED-98CE-27487F5EDBD0

“A oggi abbiamo già organizzato con successo diverse esperienze culinarie tra Milano e Venezia – raccontano a The Food Makers – siamo sempre alla ricerca di persone con la passione per la cucina che vogliano mettersi in gioco insieme a noi e stiamo lavorando per poter lanciare online la versione beta della nostra piattaforma che servirà per farci conoscere e creare l’incontro diretto tra il cuoco local della nostra community e il viaggiatore”. “Simple is better, per questo Foody risponde a due semplici esigenze – aggiunge Elena Bisio – quella dei viaggiatori di vivere esperienze culinarie 100% locali sedendosi alla tavola delle persone del posto, cuochi per passione o professione, che vogliono mettersi in gioco ed esprimere la propria passione per la cucina e le proprie tradizioni. Anche Tripadvisor ci dà ragione e conferma che il turista oggi è sempre più viaggiatore e alla ricerca di esperienze e non di pacchetti turistici”.

  • Michele Arleo

    Che gran figata di articolo! 😀 Complimenti e grazie per le belle parole! 😀

  • Ruben

    Interessante, come d’altronde http://www.eatwith.com già fa!

Ti potrebbe interessare anche

La scommessa di Gnammo: novità sulla piattaforma social eating

La startup che fa incontrare la gente a tavola scommette sul 2016 e rilancia: “Ci apriamo a turismo e consolidiamo con i brand, sarà un anno di grandi sfide per la sharing economy”. Le novità di Gnammo

Bon Appetour, l’Airbnb dei pasti (senza trucchi) sbarca in Italia

E’ un po’ come Gnammo, ma espressamente dedicato ai turisti che vogliano schivare le trappole dei ristoranti. E ci sono già decine di offerte fra Roma, Milano e Firenze. Come funziona Bon Appetour

Attacco alla sharing economy: tutto quello che c’è da sapere sulla guerra agli home restaurant

Dopo le polemiche dei ristoratori, un parere del MISE equipara il social eating alla ristorazione tradizionale. L’ennesimo colpo basso alla sharing economy o tutela dei consumatori?

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5