L’orto verticale Veve diventa regalo da mettere sotto l’albero di Natale

L’orto verticale aeroponico (da mettere sul balcone) potrà essere acquistato su Kickstarter fino al 31 gennaio. Veve consente di coltivare 200 piante (da pomodori a peperoncini, insalata, aromatiche) in appena un mq

Veve, il primo orto verticale aereoponico (del quale abbiamo parlato qui) diventa l’elettrodomestico più originale da mettere sotto l’albero di Natale. Veve può essere infatti prenotato come regalo o, in alternativa, scegliere un omaggio con un piccolo contributo. Il prodotto finale sarà consegnato in primavera, in tempo per il primo raccolto. Veve potrà essere acquistato in esclusiva su kickstarter.com fino al 31 gennaio.

L'orto verticale Veve

200 piante in un metro quadro

L’orto verticale aeroponico (una tecnica di coltivazione, sistema che integra la composizione di aria e sostanze nutritive nebulizzate che spruzza sulle radici) in un metro quadro consente di coltivare ben 200 piante, equivalenti a 180 kg di verdura all’anno, comodamente sul balcone di casa. Veve è stato testato con piccoli frutti come fragole e bacche di goji, verdure come pomodori, peperoncini, insalata e spinaci o aromi come basilico, timo, camomilla e stevia. Ottimo anche per piante officinali.

Equivalente a un orto da 20 mq

Veve è super-prolifico: in un solo mq di spazio, sul balcone, minigiardino, terrazza si possono coltivare 200 piante, l’equivalente di un orto orizzontale di oltre 20 mq. Secondo i primi test, grazie alla tecnologia aeroponica le piante assorbono meglio gli elementi nutritivi, aumentando la produttività. Vengono prodotti, in media, circa 180 kg di frutta, verdura e aromi per la vostra cucina, ovvero l’equivalente di una spesa biologica di più di 500 euro all’anno. «Abbiamo ricevuto numerosi contatti – fa notare Matteo Sansoni – da ristoranti ed esercizi di ristorazione, che vogliono aromi e verdura fresca veramente a Km zero. Anzi a centimetro zero. Non solo: anche ospizi, asili, scuole e case di accoglienza. L’orto, infatti, può essere usato come strumento educativo e di socialità. Inoltre, non occorrono lavorazioni intensive, tipiche della coltivazione orticola: si annaffia da solo ed è facile da montare».

Il crowdfunding per il lancio europeo

«Abbiamo optato – spiega Matteo Sansoni, ideatore di Veve – per la campagna di crowdfunding perché crediamo sia un ottimo canale di lancio europeo per Veve. Servirà per finanziare la rivoluzione della produzione di verdura nelle aree urbane. Da anni, infatti, si promuovono gli orti urbani come strategia di sicurezza alimentare urbana. Ma, dati gli spazi verdi limitati, poche città hanno realmente implementato una strategia di ‘relisienza alimentarè km zero». «Ora, grazie a Veve, ogni cittadino con un balcone – assicura Sansoni – potrà produrre da solo alimenti naturali e sani, a centimetro zero. Il costo non va temuto: in meno di 3 anni avrete compensato i costi e aiutato l’ambiente. Producendo vera verdura biologica, di cui sarete voi i certificatori. Anche quando non siete a casa. Grazie al timer per la vaporizzazione di acqua e sostanze nutrienti, Veve si alimenta da solo fino a 2 settimane».

Ti potrebbe interessare anche

Il nuovo elettrodomestico? Sarà l’orto verticale sul balcone

Permette di coltivare duecento piante in un metro quadrato e costa un decimo rispetto a un orto tradizionale. Ecco Veve:

Ortocubo, l’agricoltura hi-tech che sfamerà il mondo

Un sistema ipertecnologico che sfrutta le potenzialità della coltivazione aeroponica. L’Ortocubo permette di far crescere, in un metro cubo di spazio, oltre 60 tipi di piante. Inoltre, è un sistema modulare: uno sull’altro i cubi possono dar vita ad un orto verticale.

AstroGro porta l’orto nello spazio, grazie alla stampa 3D

Una serra modulare stampata in 3D per la produzione di cibo in orbita, con un sistema d’irrigazione che ricicla l’acqua di scarico prodotta a bordo. Siamo di fronte a una rivoluzione per l’alimentazione degli astronauti?

Viaggio a Dubai, la città dove il futuro è già realtà

Dopo uno sviluppo urbano straordinario grazie alla ricchezza derivata dal petrolio, la città degli Emirati vuole cambiare ancora con la tecnologia e l’innovazione. E arriva addirittura a sfidare la natura con il progetto di costruire una montagna artificiale