Il nutrizionista (in carne e ossa) a portata di smartphone grazie all’app

E’ un servizio di “coaching” (tramite app) che fornisce supporto (dal vivo) di nutrizionisti o dietisti esperti. Si chiama NutriMe, e basta impostare lo stile alimentare per avere una scelta tra 8 professionisti in linea con i nostri obiettivi

Dieta e alimentazione corretta a portata di app. Ma con il nutrizionista in carne e ossa. Un servizio di “coaching” che fornisce il supporto quotidiano di nutrizionisti o dietisti esperti e certificati a chi vuole migliorare la propria alimentazione o ridurre il proprio peso corporeo. Si chiama NutriMe ed è un’applicazione ideata e sviluppata da tre ragazzi romani che si sono conosciuti durante l’edizione 2014 di InnovAction Lab (pur facendo parte di team differenti). Marco Brogi (CEO) , 28 anni, laureato in Ingegneria informatica, Alessio Ciccarelli (CTO), 28 anni, è anche lui laureato in Ingegneria informatica e Marco Polidori (CMO), 26 anni, laureato in economia e management hanno iniziato a confrontarsi sull’esperienza diretta di Alessio che li ha ispirati: “La startup trova la sua motivazione da una passata esperienza personale: – racconta – grazie al supporto di un nutrizionista sono riuscito a perdere più di 20 chili e ho iniziato a pensare: perché non aiutare anche gli altri a raggiungere l’obiettivo di peso desiderato?”.

nutrime-app-smartphone-dieta-alimentazione-sana-1

Coaching nutrizionista

Ma come funziona NutriMe? Dopo aver scaricato la app l’utente si registra gratuitamente inserendo i suoi dati (età, sesso, peso, altezza e circonferenze). Subito dopo imposta lo stile alimentare che preferisce seguire (dieta mediterranea, vegetariano, vegano, etc. ), il tipo di attività fisica che pratica e con quale frequenza, ed infine l’obiettivo che intende perseguire. A questo punto ottiene in automatico dall’app una selezione degli otto Coach nutrizionali più affini alle sue caratteristiche e al suo obiettivo. “Nutrizionisti e dietisti certificati che ti seguono a distanza: una volta scelto quello più in linea con le tue esigenze basta che posti le foto dei tuoi pasti principali corredate dalle relative descrizioni segui i suggerimenti del Coach che ti supporterà quotidianamente nel modificare le abitudini alimentari sbagliate”.

foto2

L’app non è gratuita

Ovviamente i professionisti vengono pagati, dunque NutriMe non è una app gratuita e prevede abbonamenti mensili o trimestrali. 39 euro e 90 per un mese, 104,90 per tre (ai nuovi utenti sono riservati dei condici sconto per ridurre il mensile da 39,90 a 29,90 (WELCOME1) ed il trimestrale da 104,90 a 84,90(WELCOME3)). NutriMe non è pensata solamente per chi vuole perdere peso ma anche alle persone attente alla linea, coloro che vogliono imparare le regole della corretta alimentazione, chi ha adottato uno stile alimentare “alternativo” e che vuole essere certo di mangiare in maniera equilibrata, gli sportivi che devono seguire una dieta specifica per migliorare le loro performance o aumentare la loro massa muscolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Cipolle, pane integrale e aringhe: l’ultima dieta è quella “vittoriana”

Tantissima verdura, poca carne, poco alcol, niente zucchero. Per uno studio inglese quella di metà Ottocento, con la dieta vittoriana, è stata l’età dell’oro della nutrizione. Ecco perché (e cosa si mangiava…)

Longevità? La dieta mediterranea serve. Ma c’è anche altro…

Un cardiologo e un film-maker britannici lanciano una campagna Kickstarter. Obiettivo: finanziare “Pioppi Protocol”, documentario su Pioppi, borgo del Cilento da record per longevità. Ecco perché

Verdura, frutta, carne (bianca): ecco la “dieta segreta” dei magri

Che cosa mangiano i magri per essere (e restare) magri? Seguono una banalissima dieta “normale”, fatta di verdure, frutta e carne bianca. Ma un segreto vero c’è. E riguarda gli occhi…

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Come cambia il futuro del cibo e il senso del nostro (ultimo) caffè con le startup

Quattro settimane, quattro grandi temi e sfide per il futuro. A due passi dal Duomo di Milano. L’ultima The Next Tech Breakfast di StartupItalia! è dedicata al Foodtech, al futuro del cibo al cibo del futuro: una scommessa che per l’Italia vale 1 milione di nuovi posti di lavoro entro i prossimi 10 anni

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure