Dalla personalità del chicco alla pentola: le 13 regole del risotto perfetto

Conoscenza, cura, polso. Sono i primi ingredienti per preparare un buon risotto. Ecco le 13 regole da seguire per cucinare questo piatto alla perfezione

Preparare un buon risotto richiede conoscenza, cura e polso. Non sempre si riesce a prepararne uno con la consistenza perfetta o con un buon equilibrio tra gli elementi che andiamo ad aggiungere al riso. Per non parlare di quando si sceglie il tipo di chicco sbagliato! La tragedia in tavola è dietro l’angolo. Cerchiamo di fare chiarezza su tutte le fasi del procedimento in modo da preparare il risotto perfetto.

La scelta è fondamentale

La scelta è fondamentale

1. Scegli il riso giusto

Forse non tutti sanno che l’Italia è il maggior produttore europeo di riso. Pertanto quando sceglierete la varietà di riso con cui costruire il vostro capolavoro, puntate su Carnaroli, Arborio, Baldo, S.Andrea, Vialone Nano, Maratelli, Roma. Tutti questi tipi di riso sono perfetti per preparare un risotto degno di Masterchef. Piccolo consiglio: se ne avete la possibilità, rifornitevi direttamente dal produttore. Ad esempio Christian e Manuel Costardi, gestori della risotteria Da Christian e Manuel a Milano, si affidano al Carnaroli prodotto ad hoc dall’azienda Gli Aironi di Lignana. In questo modo riescono ad ottenere un riso meno lavorato, che mantiene la gemma e le sue sostanze nutritive.

2. Occhio alla confezione

Sugli scaffali dei negozi potreste trovare delle confezioni di riso in stoffa. Non compratele. Sì, sono belle da vedere, ma non proteggono il riso dall’umidità, nemico giurato dei nostri chicchi. Il sacchetto in plastica invece conserva il prodotto in atmosfera controllata. Tuttavia il sottovuoto “strizza” i chicchi. Per questo, una volta comprato, mettete il riso in un contenitore a chiura ermetica, in compagnia di una foglia d’alloro.

3. La personalità del chicco

Per capire se abbiamo comprato un buon riso o se la confezione conservata in dispensa non ha subito danni, ci basta assaggiare il riso senza sale, dopo averlo bollito. Solo così potremo scoprire la sua personalità. Il chicco deve essere grande abbastanza e avere un rilascio di amido adeguato – né invisibile, né esagerato. Il chicco deve restare bianco e sgranato. Se invece diventa giallo, non vi resta che gettare la confezione: il prodotto è vecchio.

4. La casseruola

Il riso deve stare comodo. Sulla base di questo imperativo, scegliamo la pentola in cui andremo a cuocere il nostro risotto. L’ideale sarebbe avere a disposizione una pentola di rame, ma vanno bene anche quelle in alluminio. Non troppo adatte quelle in acciaio inossidabile: vi costringeranno a mescolare più spesso. E no anche al fondo antiaderente, che non permette al riso di entrare in contatto con il materiale del tegame. È preferibile che il tegame abbia un solo manico perché, quando andremo a mantecare il risotto, ci verrà più facile creare l’onda.

Il cucchiaio deve essere di legno

Il cucchiaio deve essere di legno

5. Il cucchiaio

Continuando nella ricognizione degli strumenti necessari per compiere l’impresa “risotto”, ricordiamoci che il cucchiaio perfetto da usare è in legno, meglio se di ulivo. Se avete quello a paletta, vi aiuterà a recuperare i chicchi in fondo alla pentola. La paletta bucata vi aiuterà a rispettare i chicchi.

6. Il soffritto

Conservate il burro per il finale. In questa fase rischiereste di rovinare il piatto per il sentore di bruciato. La cipolla dovrà essere bionda e frullata con un filo di olio di semi o di acqua: in questo modo otterrete una sorta di purè che si scioglierà nel risotto, rimanendo gradevole in bocca. Non fatela rosolare troppo: basta che diventi solo un po’ più bionda.

7. La tostatura

40 magici secondi: è il tempo necessario per “preparare” il riso a diventare uno spettacolare risotto. In questo brevissimo tempo, il calore scalderà i chicchi e ne dilaterà i pori. Si fa a fiamma vivace. In questa fase aggiungiamo sale e pepe. Con il cucchiaio vanno continuamente mossi i chicchi che, al termine della tostatura, diverranno madreperlarti. Attenzione: il riso non deve mai imbrunire.

8. La sfumatura

Un antico detto recita: “Il riso nasce nell’acqua e muore nel vino”. Dopo la tostatura infatti, andremo a sfumare il riso tostato con del vino bianco, non troppo aromatico.

9. Il brodo

Anatema sul brodo da dado! Meglio puntare su un brodo vegetale classico, realizzato con sedano carota e cipolla. Ma la scelta principe resta sempre il brodo di carne, molto caldo e neutro, mai salato. Sulle quantità da aggiungere al risotto, sarà la pentola a chiederlo: quando lo vedete asciutto e non più fluido, è il momento di aggiungerlo. Per averlo sempre a disposizione, preparatene un po’ e poi congelatelo fino a un mese nel freezer.

10. Mescolare

Come un corteggiatore con la sua dama, il cucchiaio inseguirà i chicchi, dall’inizio alla fine della preparazione. In questo modo il chicco rilascerà meglio l’amido. Ma attenti a non strapazzarlo. Bisogna solo che il cucchiaio di legno e il movimento costante del nostro braccio accompagni il riso fino al tripudio finale: la mantecatura.

11. Tempo di cottura

Non c’è uniformità, e questa è un’altra delle cose meravigliose del risotto perché costringe chi lo cucina ad entrare in empatia con il piatto. Tuttavia possiamo indicare un tempo ideale compreso tra i 16 e i 18 minuti, a seconda della consistenza che vogliamo ottenere dal chicco di riso. Piccolo campanello d’allarme: se il risotto vi sembra “scotto”, allora ne avete comprato uno di pessima qualità.

Il risotto allo zafferano è un classico

Il risotto allo zafferano è un classico

 

12. Mantecatura

Una volta cotto, si fa riposare fuori dal fuoco 30 secondi. Durante questo intervallo gli amidi si rilasseranno. Quindi andiamo a mantecare con il burro fresco di frigo, in modo da usare la parte grassa e non quella liquida, aggiungendo anche del formaggio grattugiato. Quando parliamo di mantecatura all’onda ci riferiamo all’aspetto che il risotto deve avere in pentola: non si deve presentare troppo liquido o troppo compatto. Muovendo la casseruola, il risotto deve appunto formare un’onda. Il movimento giusto per farlo è questo: spingere avanti e indietro il tegame e contemporaneamente mescolare in tondo con il cucchiaio.

13. Sbizzarritevi con il condimento

Sfruttate la zucca (è la stagione giusta), il tartufo o virate verso un più classico risotto allo zafferano (deliziosa spezia anti-stress, ma evitate le bustine e preferite i pistilli). Non vi resta che servire e accogliere con orgoglio i complimenti dei commensali!

Ti potrebbe interessare anche

Dall’app per ridurre gli sprechi all’isolante nato dal riso. Le cinque startup di Alimenta2Talent

Agricoltura 2.0, attenzione alle diversità alimentari e narrazione legata al cibo. Questi alcuni dei temi delle startup selezionate da Alimenta2Talent. Conosciamole meglio

L’irrigazione a goccia cambia tutto e porta il riso (anche) in collina

Una tecnica innovativa potrebbe portare a una svolta: consentirà di coltivare riso ovunque, offrendo alternanza produttiva tra colture e risparmio di acqua. Ecco come funziona. E chi l’ha sviluppata

Internet ha ucciso il vecchio ricettario?

Da una parte web e app hanno sostituito il tradizionale cookbook, dall’altra le librerie continuano a traboccare di volumi all’apparenza iperspecialistici ma spesso di scarsa qualità: chi sarà l’Artusi dell’epoca iperconnessa?

Arancini perfetti in 10 secondi? Ecco la ricetta di una nuova azienda siciliana

Tra tradizione e innovazione un cuoco messinese ha messo a punto uno strumento per realizzare crocchette da esportare in tutto il mondo

Le finaliste di .itCup 2016: Userbot, creare Bot (intelligenti) per il Customer Support

UserBot è una soluzione che usa l’intelligenza artificiale per interagire automaticamente con i clienti sui canali digitali, creando un Bot in grado di capire il linguaggio naturale e permettendo, quindi, di diminuire i tempi e i costi relativi al Customer Support.

E’ qui la scuola del futuro

Dal Piano Nazionale Scuola Digitale, che tra poco compirà un anno, alle tecnologie per l’e-learning, la programmazione e i giovani maker. Di cosa parliamo quando parliamo di scuola digitale, il futuro dell’apprendimento

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»