Come funziona il forno a tufo per la pizza geotermica (creata a Napoli da un geologo…)

Il materiale mantiene condizioni climatiche che facilitano la lievitazione in 24-36 ore. E tutte le proprietà della pizza geotermica restano intatte

La pizza geotermica. L’ultima invenzione in cucina arriva da Napoli e no, non è stato un cuoco a realizzarla ma un geologo: Vincenzo Albertini, che è anche presidente di Napoli Sotterranea. Per mesi Albertini e il team di 4 persone da lui guidato ha lavorato alla realizzazione del primo forno in tufo partenopeo. La prima pizzeria geotermica è stata aperta a Napoli nell’area conventuale dei Teatini ed è letteralmente scavata nel Tufo Giallo.

Pizza geotermica: ingredienti naturali e lievitazione migliore. Con il tufo

«A Napoli caffè e pizza sono importanti. Il tufo dà dei vantaggi nella lievitazione della pizza: ci sono condizioni climatiche che favoriscono il processo in 24-36 ore», spiega a StartupItalia Albertini, e aggiunge che comunque gli ingredienti sono sempre gli stessi, cambia solo il fatto che i panetti di 260 grammi vengono messi a lievitare in tavolette di legno invece che di plastica.

pizza geotermica

Un mese per fare un forno in tufo

Un forno in tufo costa all’incirca 8mila euro, quanto uno industriale. Ma per realizzarlo serve almeno un mese: oltre alla complessità della cupola, che ha una costruzione molto particolare e che richiede attenzione e precisione, Albertini sostiene che anche la manutenzione debba essere molto accurata. «Il rischio – spiega – è che il forno nell’arco di pochi anni di spezzi in due, a partire dalla cupola».

Napoli in tufo

«Considerando lo studio urbanistico effettuato sulla città di Napoli risalendo fino al sistema ippodameo, incrociando i dati derivati da monitoraggi geo-tecnici, abbiamo compreso che in alcuni punti della città si raggiungono parametri microclimatici tali da conferire alla pasta lievitata proprietà organolettiche molto particolari» conclude Albertini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione